Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Milan
Domenica 12.08.2018, ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di E. LOFFREDO del 13/06/2018 15:18:03
Fare a meno del calcio?

 

Partiamo da una domanda: il calcio è cosa necessaria? È senza dubbio uno sport bello da praticare, e una volta forse anche da seguire; importante come tutti i passatempi e le passioni nella vita di ciascuno di noi, ma probabilmente non vitale. Ancor meno se consideriamo tutte le degenerazioni di cui è stato fatto oggetto negli ultimi anni.

Ora, muovendo da queste personalissime premesse, mi interrogo circa la decisione della Lega di Serie A di calendarizzare in almeno sette momenti e nell'arco di tre giorni diversi le partite di ogni turno di campionato. Non ho né nostalgia di "Novantesimo minuto" o di "Tutto il calcio minuto per minuto" di una volta, né l'ormai anacronistico desiderio della piena contemporaneità. Mi chiedo invece quanto siano presuntuosi i presidenti delle squadre di calcio a pensare che i tifosi bramino di dedicare al loro core business tempo per seguire quante più partite possibili e dare sempre più soldi per garantirgli quel miliardo e duecento milioni che vorrebbero intascare.

Il calcio non è più un passatempo solo domenicale, già da anni si gioca in modo "spalmato", ma è giusto che il pallone si gonfi a tal punto da voler presenziare in modo così invadente la settimana degli italiani? Il troppo storpia, se di becero fanatismo (calcistico) ve ne è già abbastanza, temo che prestandosi ad essere discusso per più tempo il calcio sarà ancora più degenerato e degenerativo.

Per come sono stati strutturati i pacchetti di partite da più parti è stata paventata la possibilità di dover fare due abbonamenti per vedere tutte le partite della propria squadra. Teoricamente è vero, ma nessuna società e nessuna televisione vuole correre il rischio di perdere un abbonato (leggasi cliente-finanziatore) perché non gli si potrà vendere un pacchetto completo di trentotto partite, ecco il motivo per il quale sono stati fatti salvi i successivi "accordi commerciali tra operatori".

In pratica: ti facciamo temere di dover pagare due volte, poi ti permettiamo di vedere tutto con un solo abbonamento, ma decidiamo noi quando e a che ora fartelo vedere (è infatti concessa alle televisioni anche la facoltà di dettare calendario e orari delle partite).

E dovrei modulare il fine settimana in base a quello che decide una pay-TV o un'emittente satellitare? Ripeto, il calcio è una passione, ma a queste condizioni preferisco un "no grazie", ci sono altre opportunità: un'ora di tennis, una partita a calcetto con gli amici o una passeggiata in dolce compagnia. Pazienza se i gol potrò vederli la domenica solo dopo le 22:00.

A tal ultimo proposito, un pensiero va alla redazione di Rai Sport che sostiene «che la questione dei diritti tv non è un fatto privato di aziende private, ma ha a che fare anche con il diritto di cronaca» e pretende di parlare in nome anche degli sportivi e dei «cittadini che hanno il diritto di godersi lo sport, anche sulla tv pubblica». Ebbene, la redazione, il cdr e i giornalisti di Rai Sport dove sono stati in questi anni? Mentre dal quella redazione uscivano le immagini di Moggi e Giraudo intitolate con "merde"; quando non si è voluto trovare chi ha dato del "marocchino di merda"a un giocatore della Juve; quando le telecronache delle gare di Coppa Italia trasudavano tifo contro la Juve; quando Paola Ferrari esultava per un gol della diretta rivale della Juventus per il campionato e soprattutto quando da più parti è stato chiesto di far cessare i tweet non proprio neutrali di Enrico Varriale; in tutte queste occasioni dove era finito il senso di "servizio pubblico" che ora tanto gli è caro?

Sinceramente, di tutto questo calcio posso fare a meno.

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!




 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our