Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Mercoledì 19/09/18, ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di P. CICCONOFRI del 07/09/2018 08:25:56
Se niente cambia niente migliora

 

Il calcio italiano non cresce e ogni nuova stagione siamo all'anno zero.

Prendiamo come esempio il San Paolo. E’ cosa nota la disputa tra De Laurentiis e il Comune che attualmente comporta al Napoli dei costi maggiorati per l’uso della struttura per le gare interne: 20.000€ ad ogni partita più il 10% dell’incasso ( venendo a mancare il presupposto della transazione il ricalcolo va fatto anche per le precedenti stagioni).
Il Comune utilizzerà l’impianto per le Universiadi e tutti i lavori sono attualmente indirizzati in tal senso. Il prossimo anno la società partenopea si troverà al punto di partenza pur spendendo molti soldi in più.
Nei progetti di De Laurentiis c’è l’idea di una struttura di proprietà della SCC Napoli che per forza di cose, non potrà essere utilizzabile a breve (è stata, per ora, identificata la sola area).

E’ di ieri la denuncia del Catania (ovvero la squadra retrocessa qualche anno fa perché aveva comprato le partite) alla Figc nella persona del suo presidente Fabbricini (che a breve sarà sostituito) per abuso “d’ufficio”(e la clausola compromissoria non è stata violata con questa denuncia?); la modifica delle "norme organizzative", ha permesso di fatto la creazione di "un girone di sole 19 squadre invece delle 22 previste dal format originale della Serie B" escludendo anche il Catania. Il Tribunale Federale dovrà valutare se Fabbricini aveva il potere di cambiare delle norme in corso (vi ricorda niente?).
Cosa succederebbe ora se un giudice decidesse il reintegro delle società escluse? Un torneo a più squadre a campionato iniziato? O si procederà con le richieste di rimborso attraverso la giustizia ordinaria?
Il Collegio di Garanzia del Coni si pronuncerà in giornata.

Anche per la Seria A le cose non vanno certamente meglio. Il 12 settembre il Tribunale Federale dovrà valutare la richiesta del Crotone (che ha chiesto la sospensione o il rinvio delle gare del Chievo in serie A fino all'emissione della sentenza) nei confronti del Chievo (plusvalenze fittizie). Il Chievo approfittando della incapacità della procura non ha subito penalizzazioni per il caso delle plusvalenze fittizie a differenza del Cesena (sua gemella…) che ricordiamo è stata penalizzazione di 15 punti. Non sappiamo se il Chievo sarebbe stato condannato o meno, ma quel che è certo è che, chi ha gestito il procedimento in questo modo osceno, dovrebbe essere allontanato quanto prima.

L’Inter ha presentato la lista Uefa ridotta a 20 giocatori per rispettare il settlement agreement pattuito con la UEFA (oltre le restrizioni del FPF, ai nerazzurri mancano anche due giocatori del vivaio).
Non è una polemica spicciola, ma l’Inter ha problemi a far quadrare i conti dai tempi del decreto “salvacalcio” e che, pur passando per calciopoli con tutti i benefici del caso, non sembra aver ancora risolto.

Non ci sono più parole se non per ribadire le solite cose dovute all’incapacità, ormai cronica, della giustizia sportiva di rappresentare una garanzia per la regolarità delle competizioni e l'emergere della solita partigianeria verso qualche società...
Ma basta sfogliare qualche quotidiano per accorgersi che gli argomenti con cui occupano le menti dei tifosi sono su cose certamente più importanti: la fascia da capitano personalizzata della Fiorentina, la nuova chance a Balotelli, i gol di Ronaldo che tardano ad arrivare, il fallo di Pjanic (ancora!!!) e la direzione di Orsato della scorsa stagione…

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!


 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our