Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Bologna
Sabato 19/10/19 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di N. REDAZIONE del 20/06/2019 16:55:47
Sarri: se non altro ci divertiremo

 

Spinnellone


Terminata la telenovela, fatti decantare i bollenti spiriti post-annuncio, e in attesa di sapere che squadra verrà messa a disposizione di Sarri, penso sia possibile cominciare a fare qualche prima considerazione a mente un po' più lucida sulla vicenda.

Detto che le guerre più o meno striscianti combattute a colpi di twitter tra le varie fazioni di influencer, esperti di mercato e presunti insider interessano molto poco, e che ancor meno hanno valore i commenti e le critiche sull'abbigliamento, le dita nel naso, i gestacci e le dichiarazioni passate del nostro nuovo allenatore, è indubbio che, come ribadito spesso anche sulle pagine del nostro forum, l'ambiente che si è venuto a creare attorno a Sarri non sia dei migliori.
Vere o no che fossero le varie voci sull'arrivo di Guardiola, è indubbio che al momento il tecnico toscano appaia ai più come un ripiego, una seconda scelta. è sicuramente una percezione errata e immeritata, ma intanto così è, almeno per ora.

Personalmente, non ho molti problemi ad ammettere che per lungo tempo ho cullato l'illusione, a momenti persino l'insana convinzione, che il prescelto potesse davvero essere il tecnico spagnolo.
ma, intendiamoci: non perché creda che Sarri non sia all'altezza, ma essenzialmente per quello che l'arrivo di Guardiola avrebbe significato per tutto il mondo juventino.

Non sarebbe semplicemente stato un nuovo, grandissimo, allenatore: sarebbe stato innanzitutto una dichiarazione di intenti da parte della società, la dimostrazione della volontà di trasformare la Juve, finalmente, in una realtà europea.
in altri termini: a meno (forse) di essere uno sceicco pieno di soldi che spende per il gusto di farlo, Guardiola non lo prendi (SOLO) per provare a vincere qualche Champions, Guardiola lo prendi per crescere, per cambiare mentalità e diventare quello che occorre essere nel calcio di oggi.

Per certi versi anche Sarri potrebbe rappresentare una scelta di questo tipo, e su molti quotidiani leggo già parecchi commenti in questo senso, ma è evidente che al momento Guardiola ha una spendibilità e una reputazione di livello decisamente superiore, ti fa sicuramente partire con le spalle più larghe, con la tranquillità di poter più facilmente far assorbire qualche eventuale iniziale titubanze ma, al contempo, con l'autorevolezza di imporre le sue idee ad ogni livello, dalla prima squadra ai pulcini, fin dal primo giorno.

Sarri probabilmente avrà bisogno di dimostrare la bontà del suo lavoro, prima di poter essere ascoltato a prescindere.

Io però credo che il nostro nuovo allenatore sia assolutamente all'altezza del compito, sicuramente dal punto di vista tecnico.
E sono fiducioso che, come spesso in passato, l'ambiente juventino sappia metterlo nelle migliori condizioni per lavorare bene.
Si dice spesso che quella della Juve è una maglia "pesante": forse è vero, ma è altrettanto vero che per chi ha valore quella maglia rappresenta anche un'eccezionale corazza contro gli attacchi esterni.

A questo punto non resta che attendere le prossime mosse: il ridimensionamento da alcuni lamentato non passa certo dall'ingaggio in un ottimo allenatore, passerebbe eventualmente dallo smantellamento di una rosa che in ogni caso resta ad oggi tra le più forti e complete in circolazione, e che a mio modo di vedere ha bisogno solo di una guida tecnica capace, dopo anni di gioco non esaltante.
Insomma, per provare davvero a vincere “quella roba là” tutto quello che serve a questa squadra è un allenatore come Sarri.

Quindi, benvenuto Maurizio, e in bocca al lupo. Se non altro, sono sicuro che ci divertiremo.

 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our