Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Atalanta
Domenica 19/05/19, ore 20,30
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di A. ROSSETTO del 24/11/2008 16:28:06
I Campioni rimangono tali

 

La sconfitta di S.Siro contro gli indossatori di scudetti altrui non ridimensiona assolutamente la caratura e gli obiettivi di questa squadra che, come ripetiamo fino alla noia, è abbandonata a sè stessa, senza una degna guida in panchina, ma soprattutto senza una degna guida societaria e adeguati Birigenti (non è refuso).
Al contrario ne escono ridimensionati tutti coloro che già parlavano (a vanvera) di scudetti, coppe e chissà che altro, abbagliati dal brillante filotto di vittorie precedente: una buona striscia, ma null'altro.
La (ex)Juventus è una buona compagine formata da 5-6 giocatori autentici fuoriclasse sia per talento che per temperamento, ma quando qualcuno di loro o tutti insieme incappano in una giornata storta il resto della compagnia non ha la capacità di supplire a tale lacuna. Tra l'altro gli indossatori hanno finalmente vinto sul campo una partita vera e l'hanno fatto nell'unico modo possibile, ovvero casualmente.
Meno che mai può supplirvi dalla panchina il cantante che, essendo calcisticamente analfabeta, non è in grado di leggere la partita e quindi incidervi più di tanto; nonostante l'autogestione guidata dal capitano, solo il cielo sa quanto questa squadra avrebbe bisogno di una conduzione tecnica all'altezza.
La partita di Milano è stata preparata malissimo e gestita peggio. Il duo comico che ha l'incarico di presidente ( e che della Juventus interessa come il football americano al sottoscritto), nelle giornate di vigilia si è lasciato andare a bellicose dichiarazioni, propositi di vittorie, valutazioni tecniche, tutte parole come sempre smentite dai fatti. A rilasciare parole in libertà era lo stesso duo che inorridiva di fronte alle sentenze della Caf e, ipocritamente, annunciava fulmini e saette: dunque, cosa aspettarsi da costoro?
La proprietà ( che della Juventus interessa come il nuoto sincronizzato al sottoscritto) ha scelto la settimana precedente l'incontro con la seconda squadra di calcio milanese per (ri)presentare in pompa magna il progetto del nuovo stadio. Abbiamo scritto ripresentare in quanto il progetto ricalca quasi in toto quello presentato da Giraudo (senza polemica, ma basta scorrere il nome degli studi di architetettura che hanno contribuito ai due progetti e soprattutto paragonarli) e sempre osteggiato dal Comune di Torino e relativi pennivendoli.
Ora invece il progetto del nuovo stadio viene salutato come l'ottava meraviglia del mondo: sarà che prima i costi venivano interamente accollati ai privati e oggi invece paga il Credito sportivo, cioè la gggente e quindi, piatto ricco mi ci ficco?
Forse era il caso di aspettare una settimana agonisticamente più tranquilla, per dare modo alla squadra di preparare la sfida meneghina con più concentrazione e silenzio, ma cosa aspettarsi da coloro che due anni e mezzo fa dichiaravano, ipocritamente, in quel di Villar Perosa di essere pronti a qualunque passo pur di mantenere la squadra in serie A?
Ad uscirne ridimensionati sono tutti coloro che difettano di memoria,sono tutti coloro che rifiutano di pensare, sono tutti coloro ai quali interessa soltanto avere un nemico domenicale da insultare a prescindere dalla categoria di appartenenza. Tornando ad un discorso puramente tecnico ci sorgono due questioni.
La prima riguarda Giovinco. La formica atomica non è, non può e non deve essere considerato il salvatore della patria, ma sicuramente è una risorsa preziosa, un'opzione in più da sfruttare. E non si venga a dire che manca di esperienza un calciatore che ha già militato in serie A, ha partecipato alle Olimpiadi e gioca regolarmente nell'Under; piuttosto lo stesso Del Piero, da vero capitano, dovrebbe ricordarsi dov'era alla sua stessa età e cosa già riusciva a fare con il pallone fra i piedi.
La seconda questione è questa: il prossimo anno i Campioni avranno un altro anno sul groppone, e chi ne prenderà il posto, oppure qualcuno di noi si deve già tenere pronto?

Alberto Rossetto, da sempre e per sempre juventino, non rappresentato dall'attuale proprietà.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our