Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Atalanta
Domenica 19/05/19, ore 20,30
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di P. CICCONOFRI del 27/11/2008 07:17:08
Il vero obiettivo

 

Lo abbiamo pensato dal primo momento e giorno dopo giorno sono arrivate anche le conferme.

Un passo indietro, il calcio è malato e ha bisogno di essere curato; un passo avanti, il calcio è ancora malato.
Non è retorica, né qualunquismo, calciopoli è riconducile ad un unico scopo: eliminare la Juventus e non certamente migliorare il calcio.
I commenti da bar hanno appoggiato gli esecutori di calciopoli, l’inconfutabile analisi dei fatti sta dimostrando che il calcio non è migliorato ma forse solo annilichito dal troppo potere mal gestito.
Abete dice che "agli italiani il calcio piace così com'è". Come dargli torto?
D’altra parte il tifoso è colui che ha sostenuto calciopoli, colui che sostiene il calcio, colui che può essere condizionato e usato a piacimento, come non valorizzare quindi il suo ruolo offrendo un prodotto a sua misura?
Qualche giorno fa l’Avvocato Grassani, in un’intervista rilasciata al Guerin Sportivo, ha dichiarato che è giusto dire “Moggiopoli, perché l’epicentro di tutto quello che è stato poi accertato come illecito sportivo o come tentativo volto ad influenzare il campionato era riconducibile a Luciano Moggi".
Oggi cosa sarebbe giusto dire? Forse che continuare a dire “moggiopoli” aiuta a confondere la realtà, quella che, bussando dalla porta di servizio, ogni tanto mostra qualcosa che non dovremmo vedere e magari qualcuno, toccato dove il dente duole, si lascia andare a qualche dichiarazione di troppo, come Kaladze dopo il pareggio col Toro: "Non c’era rigore. Non parlo mai degli arbitri, però oggi devo dire che Farina è stato scandaloso, scarso proprio. Mi dispiace che la partita sia stata rubata dall’arbitro".
Così verrebbe da chiedersi: "ma come? Se il ladro è stato fatto fuori, chi ha commesso il furto?"
Padron Moratti, subito dopo il trionfo di sabato con la Juventus, si è lasciato andare a questa dichiarazione "I dirigenti attuali non hanno nulla a che vedere con quelli precedenti. Moggi? Non mi interessa".
Non ha detto nulla che non rientri nel suo stile, Moggi si usa solo come capro espiatorio per giustificare una sconfitta o per rivendicare qualche titolo scippato, oggi è il momento del trionfo e non serve ricordare quel passato.
La dirigenza Juventina attuale non ha nulla a che vedere con la precedente, però ha capito che il “modello da imitare non è l'Inter”.(J.Elkann)
La squadra che da calciopoli ha ottenuto l’attestato di “onestà”, rappresentante del nostro calcio, non è un modello da imitare.

Sapete come fanno i bambini? Dipingono la vita come vogliono, nelle sfide non amano perdere, sogni e desideri diventano così realtà.
Ma i bambini non hanno paura di crescere e la fantasia man mano che passano gli anni, viene sostituita dalla maturità.
C’è poi chi rimane bambino perché ama continuare a vincere inventando fantasiose realtà, c’è invece chi cresce con l’anima del bambino e continua a guardare la realtà come un sogno.
Infine c’è chi, pur essendo bambino guarda alla realtà per quello che è e vede che il calcio, quello dei campioni, può essere cancellato con uno spruzzo di vernice e ridisegnato senza colori.

Credo che oltre ad essere incolore, il nostro calcio stia lentamente raggiungendo il suo reale obiettivo: esaltare la convenienza e l’opportunismo contro ogni ragionevole dubbio, lasciando il desiderio di sport al solo sogno.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our