Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Domenica 27/09/2020 ore 20.45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di G. GALAZZO del 23/09/2010 22:56:18
Lo spezzatino è servito quarta giornata

 

Profumo d’intesa

Stadio Meazza, Inter–Bari: nella serata che ha celebrato il risveglio di Milito, l’Inter di Moratti ha confermato la propria forza rifilando una quaterna al Bari.
Vince e convince la squadra di Benitez, già solitaria in testa alla classifica: se pensiamo che lasciano in tribuna Mr 40 milioni Alessandro Profumo, ci rimane il solo dubbio sull’effettiva competitività nella Unicredit Cup, pardon Champions League.

Santo cielo, sto perdendo l’obiettività! nel calcio, alla fine vince il più forte; é cosi da sempre e dovrebbe saperlo anche il neo isterico Mr Claudio Ranieri, incapace di gestire la crisi profonda che attanaglia la sua amata Roma.
I fantasmi di Lippi che lo perseguitano, cosi come le piccate dichiarazioni contro l’arbitraggio di Brescia
(ma non era lui che ha sempre detto di non voler commentare gli errori arbitrali?) rendono l’ambiente ancora più elettrico, spazzando via ogni parvenza di tranquillità di cui lo spogliatoio avrebbe bisogno.
La sconfitta, contro l’ottimo Brescia di questo inizio stagione, non si può giustificare con i torti arbitrali, pur se l’arbitraggio di Russo sia stato indecente; si guardi altrove, verso una campagna acquisti che non ha rinforzato un centrocampo che pare bollito come il cappone a Natale, a discapito di un attacco nel quale Borriello ( che comunque il suo lo fa) ha il suo doppione, appannato e bollito, in Adriano,
Tutto può ancora accadere, sia chiaro, ma a questi miracoli credo poco.

Nel giorno in cui è tornato al gol Giardino, la Fiorentina deve ringraziare Frey, assoluto protagonista nella sfida contro un Genoa, la cui frenesia offensiva è stata comunque un ostacolo ancor più insormontabile del portierone viola, per tornare alla vittoria; un pari che sa di brodino per la squadra di Mijalovic e di amaro per i Gasper boys.

Cagliari-Samp non meriterebbe neppure una riga di commento per la quasi totale assenza di gioco da ambo le parti; forse l’assenza di Cassano ha spento la luce artificiale e non.

La luce é rimasta spenta anche per l’Udinese, nonostante il ritorno al gol di Toto’ Di Natale; gli uomini di Guidolin, pur se sconfitti immeritatamente a Bologna, devono recriminare per le occasioni mancate e per una distrazione nei minuti finali che ha permesso a Di Vaio di regalare tre punti ai felsinei e a Mr Malesani di festeggiare la prima vittoria.

Il pari tra Lazio-Milan ha evidenziato le attuali lacune del Milan, incapace, a causa di una manovra lenta e della poca predisposizione al sacrificio dei suoi attaccanti, di mantenere il vantaggio, ottenuto grazie ad Ibra, al suo primo sigillo in campionato
Punti persi? può darsi, viste le ambizioni del Milan, però questa Lazio piace per attenzione nella fase difensiva, per la qualità di manovra che il centrocampo biancoceleste garantisce; se Zarate si mettesse in testa di fare il calciatore, davanti ci sarebbe da divertirsi.

Lecce-Parma si dividono la posta, grazie al rigore di Jeda e al gol di Crespo ( il suo 200° gol in Italia), in una partita più tattica che ben giocata; un buon punto per uno, con un Parma che, a causa di un infortunio muscolare, dovrà rinunciare alla fantasia di Giovinco per qualche settimana

A Catania, comincia a vedersi l'ottimo lavoro di Giampaolo; gli etnei, ben disposti in campo, hanno prevalso sulla ex capolista, a sorpresa, Cesena. Ritorna al gol Maxi Lopez, l'attaccante che potrebbe rivelarsi determinante alla voce salvezza.


Non trova infine continuità il Napoli che, tre giorni prima, aveva impressionato per reazione, gioco, determinazione nel match contro la Samp. Il gol del vantaggio di Cannavaro infiamma il San Paolo ma, lo stesso capitano é tra i maggiori colpevoli della rimonta clivense.
E' una squadra quadrata, quella di Mister Poli, capace di non perdere la testa nonostante lo svantaggio, di tener botta alle fiammate del Napoli e imporre il proprio gioco: 3-1 servito al San Paolo.

Non trova continuità questo Napoli: già, proprio come quella squadra che perde in casa il posticipo.
Ma di questo ne parleremo a parte: io, avvilito, mi astengo.

I personaggi di giornata, per concludere questa sintesi:
Pellisier e Frey

Basta così per oggi.

Commenta l'articolo sul nostro forum!
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our