Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Mercoledì 20/02/19, ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di C. POSTER del 07/12/2008 20:59:49
LECCE 1 - JUVE 2

 

La Juve vince 2 a 1 e azzanna 3 punti a Lecce dopo una partita giocata anche senza Ale, Camo e Vincenzone ! Giocava Giovinco in una squadra inedita, con oggettive difficoltà di creare gioco. I tre goals ravvivano la ripresa, dopo un primo tempo inguardabile. Spiacevole come i commenti di Franco Causio e del telecronista di Sky sempre sbilanciati, negli episodi a … sfavore della Juventus !
Queste le mie personalissime valutazioni:
MANNINGER = Inoperoso per i primi 45° minuti, attento e pronto nei più impegnativi secondi 45. Quando para su Caserta (30°e 33°s.t.) e su Castillo (35° s.t.). Incolpevole sul goal di Cacia che incrocia benissimo di sinistro un lungo cross di Giacomazzi dallo schieramento bianconero.
GRYGERA = Rimane sulle sue, in difesa e fino al goal non soffre. Sulla fascia destra non si alterna con Marchionni, e perde Cacia nell’occasione del goal del Lecce. Di positivo c’è da segnalare un suo bel cross al 24° del p.t. quando Benussi per anticipare Nedved lo tocca e il cieco cade. Altro fatto “molto” sospetto nel quale l’arbitro ha dato torto allo juventino.
MOLINARO = Corre e si alterna con Nedved ma non mette in mezzo alcun pallone giocabile da Amauri. Al 33° s.t. sbaglia a centrocampo e rischiamo un contropiede pericolosissimo.
MARCHISIO = E’ l’unico a centrocampo che cerca di creare un minimo di gioco ma non riesce a gestire al meglio il pressing di reparto, forse anche per la titubanza che la squadra ha manifestato a causa della scarsa qualità complessiva. Bella chiusura difensiva al 34° del p.t. Nel secondo cresce e si fa maggiormente vedere.
LEGROTTAGLIE = Intanto becca un’ammonizione al 30° del s.t. che gli farà saltare la partita con il Milan. In difesa non soffre mai ma nell’azione del goal di Cacia anche i centrali (lui e Giorgio) potevano fare di più. Al 18° del p.t. in seguito ad una punizione di Giovinco per fallo su Marchionni, si ostacola con Chiello saltando di testa. Era una ottima occasione da goal.
CHIELLINI = Pure lui becca un’ammonizione per fallo su Tiribocchi. Sul goal del Lecce ho già scritto, e quel pallone non doveva spiovere in area così tranquillamente ! Recupera perfettamente al 17° del s.t., ma non è il solito quando si sgancia e non aiuta a centrocampo.
MARCHIONNI = Sulla fascia cerca di fare gioco e becca anche un fallaccio da Esposito al 18° del p.t. Al 30° subisce un’ uscita di Benussi che da dietro lo spinge via in area. Al 1° del s.t. subisce una gomitata in faccia ma complessivamente combina poco. Tant’è che Ranieri lo sostituisce con DE CEGLIE al 35° del s.t. Stranamente Paolino rimane sulla destra e, fortuna vuole che proprio da lì e da lui parta il cross che al 44° del s.t. permette ad Amauri, lasciato solo in area, di saltare e segnare di testa, facendo incassare tre punti, ormai insperati.
SISSOKO = Corre e mulinella le “ventose” come al solito, ma fa fatica ad imbastire la manovra complessiva del centrocampo. Nel secondo tempo anche lui cresce e conquista la solita dose di palloni fermando tante azioni dei leccesi.
GIOVINCO = E’ l’unico che almeno tenta di creare azioni pericolose sulla tre quarti, sebbene con alterne fortune. Nel primo tempo conquista una punizione al 4°. Al 24° crea scompiglio nell’area leccese ma ribatte Stendardo. Al 37° batte una punizione parata bene da Benussi. Nel secondo tempo al 6° offre ad Amauri un bel pallone in area poi al e BRAVISSIMO al 10° quando delpiereggia battendo una punizione perfetta che supera Benussi e porta in vantaggio la Juve. Si rende pericoloso al 13° quando con Sissoko confeziona un pallone molto interessante per Amauri che sbaglia in raddoppio. Complessivamente, nella Juve di questa sera, secondo me è stato quello che ha creato di più.
NEDVED = Come al solito la volontà non manca, ma la pericolosità delle sue giocate è ridottissima. Prende subito due brutti colpi al 7° e al 9° del p.t. Al 24° del p.t. crea l’unica occasione con questo nome, vanificata dall’uscita di Benussi che lo tocca facendolo cadere in area. Prende un altro calcione al 28° del s.t. all’interno di una gara volenterosa ma improduttiva.
AMAURI = Onestamente non pervenuto fino al goal che al 44° del s.t. ci regala i tre punti. Nel primo tempo al 6° e al 13° sbaglia su inviti di Giovinco e Sissoko. Non si propone mai sulla tre quarti per creare da solo difficoltà alla difesa avversaria. Per la verità gli arrivano zero cross giocabili, fino a quando non ci pensa Paolino De Ceglie. Per fortuna lì è pronto.
In definitiva vinciamo una partita molto utile per la classifica, ma scarsa di contenuti. Con il Milan domenica ce la giochiamo e dovrebbero rientrare sia Alex che Zanetti. Perderemo però il “duca” dietro ! E loro non avranno “ringhio” in mezzo, ma se il trofeo Tim prosegue con queste dinamiche penso che i “cartoni” d’Italia alimenteranno con un altro triangolino di cartapesta la loro collezione svalutatissima di tornei aziendali.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our