Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Parma
domenica 19/01/20 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di C. POSTER del 15/12/2008 00:10:58
JUVE 4 - MILAN 2

 

Affondato un … “povero” diavolo !

La Juve schianta 4 a 2 un Milan tecnico ma sovrastato sul piano del ritmo e della forza fisica con una prestazione da incorniciare anche dei ragazzi bianconeri che vengono dalle giovanili (Marchisio e De Ceglie). Squadra quadrata che sopperisce alle assenze di Camo, Zanetti e gli altri, con l’attenzione e il famoso “spirito Juve” perso solo nella partita contro l’Inter di …Guido Rossi.

Queste le mie personalissime valutazioni.

MANNINGER = para tutto il parabile. Prende due goal incolpevolmente.

GRYGERA = attento sulla fascia di competenza tranne che nell’azione del primo goal del Milan che, sebbene in contropiede, perde Ronaldinho che farà l’assist a Pato per il goal. Becca una spallata da dietro in area da Jankulovski al 28 del p.t. Copre le avanzate di Marchionni. Fisicamente sta bene e si vede.

MOLINARO = all’11° del p.t. prova l’imbucata per Alex in area che 5 minuti dopo provocherà il rigore su Alex per un intervento di Jankulovski. Al 23° del p.t. chiude male un ottimo contropiede sbagliando il passaggio ad Alex. Nel secondo tempo copre bene sulla fascia di competenza e scambia bene con De Ceglie al 5°. Sbaglia al 39° una chiusura che smarca Sheva, recuperato però da Chiellini. Ma al 47° ne realizza una stupenda. Anche lui sta bene fisicamente. Si tocca l’inguine, ma continua a giocare con attenzione. Buone chiusure in diagonale ma solite difficoltà in fase offensiva. Comunque positivo.

MARCHISIO = ottima prestazione complessiva di Claudio ! Soffre solo all’inizio della partita e nelle fasi che hanno portato alle realizzazioni del Milan. Per il resto si è opposto ai palleggiatori rossoneri con personalità è ha provato anche il tiro in porta come al 11° del p.t. e al 45° con una stupenda percussione centrale con tiro messo in angolo da Abbiati. Nel secondo tempo cresce ancora ed al 2° tira di poco alto dopo grande progressione di De Ceglie. Domina al 7° quando vince contrasti e imposta per le punte. Al 20° smarca stupendamente Paolino De Ceglie fermato fallosamente da Zambrotta che si becca il secondo giallo e viene espulso. Al 25° grande apertura di 40 metri sulla fascia. Al 38° tira di poco fuori. Poi rincorre e si propone con continuità, quantità e buona qualità.

MELLBERG = Si appiccica a Pato ma lo perde in occasione del goal dell’1 a 1. Per il resto svetta di testa in difesa e in attacco al 13° su cross di Marchionni. Poi fa ammonire Emerson al 35° del p.t.. 3 minuti dopo anche lui si prende un’ammonizione per proteste dopo un fallo su Pato. Conferma le sue qualità fisiche.

CHIELLINI = L’unica pecca è stato lo sbandamento centrale in occasione del goal di Pato, sopraggiunto in contropiede, dopo una mancata chiusura sulla destra della difesa bianconera. Per il resto è il “solito” Giorgione in difesa e il solito pericolosissimo colpitore di testa sugli angoli. Infatti nel primo tempo al al 34° fa saltare in aria l’Olimpico riportando in vantaggio la Juve con una zuccata forte e precisa in seguito ad angolo. Nel secondo tempo intorno al 10° la squadra si ferma e subiamo il goal di Ambrosini con una carambola che vede toccare sfortunatamente sia Marchionni che proprio Giorgione. Al 13° di testa tenta la “doppietta” che per poco realizza. Spezza 1000 tentativi nerazzurri e spazza quando è il caso. La solita roccia a livello fisico e atletico. Tremendo nei contrasti, che vince tutti !! Uno degli elementi meglio calati nello “spirito Juve”.

MARCHIONNI = Corre tantissimo e si fa vedere anche a centrocampo. Non è Camoranesi però la sua presenza si fa sentire nel primo tempo al 12, al 13 con 3 cross per Amauri, Del Piero e Mellberg. Così come al 24°. Nel secondo purtroppo svirgola un ottimo pallone in area al 13°, e al 35° è sorpreso da un recupero “mostruoso” di Momo che gli recapita una palla in area che avrebbe meritato miglior fortuna. Anche Marco stasera ha dato tutto.

SISSOKO = in forse a causa di un malanno che gli ha provocato qualche linea di febbre mette la solita forza fisica e strapotere atletico al servizio di un centrocampo orfano di tutti i titolari, tranne lui. Nel primo tempo recupera palla al 9° e parte in contropiede, sprecato da Amauri. Al 31° fa ammonire Ambrosini che per fermarlo deve “abbatterlo”. Nel secondo tempo la sua potenza è ancora più devastante e al 5° scalda le mani di Abbiati che gli para in angolo un tiro da 25 metri. Poi al 23° confezione uno scambio spettacolare con Amauri che porterà al quarto goal bianconero. Al 28° viene ammonito per fallo su Ronaldinho e al 35° tiene in campo un pallone “impossibile” che poi Marchionni spreca. Al 36° si “mangia” Ronaldinho con uno dei suoi recuperi fantastici. Uno dei…tanti. Momo soffre solo in quei due periodi in cui il Milan segna. Quando cioè la Juve gli ha concesso di giocare palla a terra senza il pressing alto e molto fisico con il quale lo ha messo in difficoltà per tutto il resto della gara.

Al 43° Ranieri lo sostituisce con Cristiano Zanetti. Un ritorno quanto mai sperato e desiderato. E intanto Momo rifiata dopo l’ennesima prestazione tutto cuore e grinta.

DEL PIERO = Nel primo tempo si vede in occasione del fallo da rigore commesso su di lui e che realizzerà portando in vantaggio la Juve. Il 251° goal del CAPITANO con la nostra camiseta !!! Si fa vedere ma lotta duramente con Maldini e al 43° spreca una buona occasione in contropiede. Nei secondi 45 minuti batte alta una punizione al 20°ma al 25° colpisce il palo con un’azione bellissima dopo uno scambio con Amauri, messo in modo da un lancio di 40 metri di Marchisio ! Fa ammonire Ambrosini al 27° e lotta fino alla fine in un campo sempre più insidioso per la pioggia che ha flagellato i giocatori per tutta la partita.

NEDVED = partita sfortunata per Pavel che si fa male ed esce dopo poco senza aver fatto nulla da ricordare.

Lo sostituisce Paolino DE CEGLIE che ha un grande impatto sulla partita. Sprinta a sinistra ed al 37° del p.t. fa ammonire Zambrotta. Poi al 41° dopo un’azione strepitosa in contropiede confeziona un cross al bacio per Amauri che schiaccia in rete il terzo goal bianconero. Un minuto dopo confezione un altro splendido traversone per Alex anticipato di un soffio da Abbiati. Nel secondo tempo continua a fare sfracelli a sinistra . Al 2° con una grande progressione e scarico per Marchisio che tirerà di poco alto. Al 20° fa beccare il secondo cartellino giallo a Zambrotta, e la conseguente espulsione, che per fermarlo lo svelle da terra. Quando serve accorcia dietro e recupera palloni che poi ricicla a centrocampo. Anche lui fisicamente “un drago”. E una soddisfazione maggiore per noi bianconeri vedere lui e Claudio Marchisio giocare a questi livelli. Bravissimo Paolino !!!

AMAURI = assolutamente devastante di testa !!! Incomincia subito dopo 7 minuti e respinge Abbiati. Al 9° spreca in rovesciata un contropiede orchestrato da Momo. Al 12° raccoglie alto un cross di Marchionni. Spizzica di testa tutti i rinvii di Manninger e al 41° conclude al meglio con il terzo goal un cross di De Ceglie sovrastando di una spanna i centrali milanisti e insaccando di potenza un incolpevole Abbiati. Nella ripresa continua a fare a sportellate con tutti i milanisti che gli si parano davanti. Fa rifiatare la squadra tenendo palla ma è pronto a sfruttare le occasioni con al 23° quando chiude con il quarto goal uno splendido scambio con Momo. Poi va sotto la curva, allunga la maglia con lo stemma della Juve e la bacia, mentre il popolo bianconero urla tutta la sua gioia. Continua la sua prestazione conquistando punizioni e recuperando palloni, fino a quando Ranieri gli fa gustare una standing ovation da ricordare.

Al suo posto entra IAQUINTA che al 47° sbaglia un goal davanti ad Abbiati. Altra grande prestazione del centravanti bianconero.
Juve di grinta, attenzione e forza fisica.

Feroce determinazione, che quando cala fa subire troppo gli avversari che tecnicamente dottissimi, se posti in condizione di giocare ai loro ritmi, possono mettere sotto chiunque. Personalmente non credo (…forse scaramanticamente !) ad un esito finale migliore del…secondo posto. Sicuramente voglio vedere la squadra con dentro Gigi, Camo, Cristiano e l’ultimo Tiago per una decina di partite di fila…( con David sempre all’erta !!!). Poi ne riparliamo !!! Soprattutto vorrei vederla così organizzata nel ritorno all’Olimpico contro la seconda squadra di Milano, che fino a quando beneficerà dell "effetto Guidone Rossi" conquisterà evidenti ed oggettivi successi di “cartone”.
Comunque la Juve vera e completa, con tutti i titolari e con la crescita di Tiago, dobbiamo ancora vederla. Intanto questa sera sono stati spazzati via i rossoneri…che ad “assenze eccellenti” ci facevano concorrenza.
Occhio al prossimo match con l’Atalanta a Bergamo !!!
Ma parafrasando i Matia Bazar d’annata: “ Stasera… che… sera…..”.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our