Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Lazio
domenica 13.08.2017, ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Farsopoli di G. FIORITO del 26/01/2012 07:42:01
Paolillo e il fair play di stampo interista

 

Nell'estate del 2006 fu attuato un golpe che condusse all'usurpazione del titolo di stella del calcio italiano, detenuto dalla Juventus.
La maggiore beneficiaria degli effetti di quel golpe denominato calciopoli è stata l'Inter.
Il suo movente ce lo spiegano le constatazioni contenute nell'articolo di Gianni Dragoni pubblicato il 24 aprile 2007 dal Sole 24 Ore, nel quale si ripercorrono le tappe di ascesa della società nerazzurra non tanto nei risultati sportivi, maturati all'ombra delle penalizzazioni inflitte da calciopoli alle contendenti principali, quanto nella speciale classifica dei ricavi economici.

Secondo lo studio del team del professor Ascani dell'Università della Bicocca, il calcio italiano è andato incontro negli ultimi anni a una grave crisi economica, proprio nel momento in cui si impone a livello europeo di entrare nell'era del fair play finanziario. A commentare la notizia sulle pagine di Avvenire interviene Ernesto Paolillo: "Chi è partito prima come l'Inter avrà i suoi benefici, ma le società, piano piano, stanno rivedendo la loro politica economica, perché il fair-play non solo è necessario, ma sarà tassativo per tutti". Paolillo invoca investimenti nei settori giovanili, auspicando un aumento dei ricavi e l'approvazione della legge sugli stadi, perché lo stadio di proprietà sarebbe il primo mattone per mettersi al passo con le altre grandi realtà europee.

E' nostra intenzione sviscerare i fatti e non alimentare le polemiche, perciò non faremo notare a Paolillo che esiste una squadra in Italia che benché massacrata in tutti i modi è riuscita a costruirsi da sola lo stadio. Però non possiamo farci dettare dal Direttore Generale dell'Inter le regole, né privarci del diritto a spiegare come e perché l'Inter è partita prima in questa corsa al fair-play non solo finanziario.
Scrive Gianni Dragoni in un altro articolo del Sole 24 Ore del 10 gennaio 2007: "Con un passivo di 181,5 milioni di euro nell'ultima stagione, l'Fc Internazionale stabilisce il primato delle perdite tra le società di calcio italiane. Il risultato emerge dal bilancio consolidato al 30 giugno 2006, predisposto per la prima volta dalla squadra presieduta da Massimo Moratti, ma non divulgato". Quello reso noto era stato il bilancio civilistico dell'Inter, approvato dai soci il 6 novembre, che dichiarava una perdita netta di 31,14 milioni di euro. Il 9 giugno 2006, in piena calciopoli, "l'Inter ha ottenuto da Banca Antonveneta un finanziamento di 120 milioni, dando in pegno il marchio", che aveva venduto alla controllata Inter Brand Srl a fine 2005, dichiarando una plusvalenza di 158 milioni di euro. "Nel bilancio civilistico questo guadagno è stato utilizzato per ridurre le perdite". Il 4 luglio 2006 si registra la fusione fra FC Inter e Inter Capital, posseduta da Internazionale Holding. Si tratta di operazioni all'interno dello stesso gruppo finanziario, note alla voce finanza creativa, difficilmente comprensibili dai non addetti ai lavori, ma che negli anni di calciopoli sono state coperte dall'eco di quello scandalo per consentire agli ex mecenati del calcio italiano, primi fra tutti Moratti e Berlusconi, di continuare a reggere un baraccone sul punto di crollare.
Il restyling finanziario compiuto dall'Inter attraverso plusvalenze realizzate in famiglia e di conseguenza fasulle, ha interessato la COVISOC, la commissione della Figc che vigila sui conti delle squadre, che però si è puntualmente ammorbidita, consentendo alla società nerazzurra di ridurre del 60% la richiesta di ricapitalizzazione di 100 milioni di euro. E' ancora il Sole 24 Ore in un articolo del 4 novembre 2006 a dare notizia dell'adozione di diversi criteri di ammissione al campionato di calcio 2005/2006 al fine di regolarizzare l'iscrizione dell'Inter, per volere dell'allora commissario straordinario Guido Rossi.
Nonostante la smentita di una precisazione della FIGC del 7 novembre 2011, ricade sull'ex presidente di Telecom, già proveniente dal CDA nerazzurro, la responsabilità del doppio regalo recapitato all'Inter, da lì a poco vincitrice a tavolino dello scudetto.

Inter e Milan erano finite nelle maglie della giustizia ordinaria per il processo per i falsi in bilancio relativi agli anni 2003 e 2004. Il pm Nocerino, che condusse l'inchiesta, ebbe a dire: “L’equilibrio finanziario sarebbe saltato se la società avesse evidenziato le perdite connesse alle plusvalenze fittizie e l’Inter non avrebbe superato i parametri chiesti dalla Covisoc per l’iscrizione al campionato 2005-2006”.

Il 19 Agosto 2003 è entrato in vigore il “decreto salvacalcio” , per riportare il calcio ad una situazione di fair play amministrativo accettabile, dopo che per anni era stata tollerata la prassi di scambiarsi giocatori di basso livello realizzando plusvalenze fittizie. Il decreto salvacalcio ha consentito di spalmare i debiti, accumulati dalla consuetudine di mettere subito in attivo le plusvalenze e rinviare ai successivi bilanci le perdite, in cinque anni, per intervento dei legislatori europei che ne hanno dimezzato i tempi inizialmente previsti di dieci anni.
Adriano Galliani (vicepresidente del Milan), Rinaldo Ghelfi (vicepresidente dell’Inter), Mauro Gambaro (dirigente inter) sono stati prosciolti perché il fatto non costituisce, secondo i termini della nuova legge, reato. Per le imputazioni relative al bilancio 30 Giugno 2003, il giudice ha dichiarato il non luogo a procedere, perché l’azione penale non poteva essere esercitata per essere il reato presupposto anteriormente prescritto.

Il decreto salvacalcio ha salvato l’inter per 319 milioni, il Milan per 242 milioni, la Roma per una cifra stimata di 234 milioni, la Lazio per 213 milioni, il Parma per 180 milioni, la Juve per 0 (zero) centesimi, poiché la società bianconera non ha avuto bisogno di usufruirne. Così come non ha mai venduto a chicchessia il brand.
Luciano Moggi, Antonio Giraudo, Roberto Bettega non hanno gonfiato i bilanci della Juventus, né si sono resi colpevoli di infedeltà patrimoniale e sono stati assolti con formula piena nel processo celebrato con rito abbreviato nel novembre 2009, scaturito da calciopoli, perché il fatto non sussiste.

Sul versante della giustizia ordinaria Palazzi ha deferito Inter, Milan e Sampdoria, Genoa, Reggina e Udinese per la contabilizzazione nel bilancio delle plusvalenze fittizie riguardante il periodo dal 2003 al 2005. Ha quindi atteso gli esiti della giustizia ordinaria. Giorno 1 luglio 2007 sono state apportate le modifiche al Codice di Giustizia Sportiva, con l’introduzione degli articoli 23 e 24, che prevedono il patteggiamento e il pentimento. Inter, Milan e Sampdoria hanno fatto ricorso al patteggiamento. Genoa, Reggina e Udinese si sono avvalse anche della possibilità di ridurre le sanzioni previste in caso di ammissione di responsabilità.

I media hanno dimenticato di raccontarcelo, ma il fair-play di stampo interista era già stato prescritto prima che lo facesse Palazzi nel luglio 2011.
Circostanza che va ad aggiungersi ai casi ben noti del passaporto falso di Recoba, alla ricettazione della sua patente, ai dossieraggi illegali Telecom, ai colloqui di lavoro procurati a Nucini. Alle telefonate di Mancini con qualche latitante a Monaco. Alle numerose vicende sul doping, legate alla positività ai controlli di Kallon, alle dichiarazioni di Georgatos, al libro di Ferruccio Mazzola inutilmente posto sotto accusa dai legali dell'Inter, costretta a pagare le spese di un processo intentato per impedirne la diffusione. Prassi messa in atto anche contro il documentario OIL, che ha portato alla luce le nefandezze e i disastri ambientali della gestione della raffineria SARAS di proprietà dei Moratti.

Anche sul campo l'Inter ha lasciato il segno. Numerosi i tentativi di combine di partite europee negli anni sessanta, anteriori alle accuse ricadute recentemente su Cuper, che osava spiegarsi con calciopoli il suicidio sportivo del 5 maggio 2002. Lo spareggio per la finale scudetto del 1910, che rifiutò di rimandare con la Pro-Vercelli che aveva i suoi calciatori impegnati con la Nazionale Militare. Mentre non disdegnò di giocarsela con la quarta squadra mandata in campo per protesta dagli avversari, composta di bambini, dai quali si prese pure 3 reti contro la decina messa irriguardosamente a segno. Ripescata nel 1922 da una retrocessione meritata con il cambiamento di regolamento in corso che stabilì i play-out, avrebbe dovuto incontrare la fallita squadra dell'Alta Italia e finì per vincere i due incontri a tavolino. Anche nel 1961 l'Inter chiese di vincere a tavolino la partita con la Juventus del girone di ritorno del campionato, adducendo la scusa di un'invasione di campo.
La partita fu rigiocata, ma troppo tardi, quando 3 punti separavano le due squadre a vantaggio della Juventus, che vinse lo scudetto. Con fair-play l'Inter schierò la squadra primavera per protesta, perdendo per 9 a 1.

Nel maggio 2010 Moratti era presente alla presentazione di un libro sui desaparecidos al quale Narducci si era preoccupato di scrivere una prefazione. Furono visti allontanarsi insieme con il colonnello Auricchio e il giornalista della Gazzetta dello Sport Piccioni. Il processo di Napoli era in corso e li interessava tutti. Nessuno saprà mai quello che si sono detti.

Ma nascondersi dietro la storia, quando è storia di soprusi e sofferenze, supera il senso di vuoto dell'etica e del fair-play di circostanza, per sconfinare nell'assenza di umanità.

Commenta l'articolo sul nostro forum!

Scaricate il pdf di Giulemanidallajuve News con un click (qui!)




Regalatelo ai vostri amici



 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our