Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Barcellona
Mercoledì 28/10/20 ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Inchiesta/Intervista di N. REDAZIONE del 03/02/2012 10:41:26
Prioreschi: «L'ascolto delle telefonate continua»

 

Un giudice non deve far trapelare nulla delle proprie idee prima di emettere la sentenza. Ciononostante la Dottoressa Casoria è riuscita ad attirare su di sè tre tentativi di ricusazione ed un esplicito invito ad astenersi. Non crede che simili atteggiamenti mal si conciliino con la sentenza effettivamente emessa o forse si conciliano troppo bene? La Casoria ha in un certo senso tradito le aspettative? È stata surclassata dalle due giudici a latere?

«Oltre venticinque anni di professione mi hanno insegnato a non farmi influenzare dall’atteggiamento tenuto dai giudici nel corso del processo ma a valutare solo le sentenze dopo che sono state emesse.»

Da che mondo è mondo ognuno dovrebbe fare il suo mestiere. Chi deve indagare indaga, chi deve giudicare giudica, chi deve difendere difende, chi deve valutare valuta. Dal 2006 a oggi, invece, chi valutava diventa incompetente, chi doveva indagare dimentica di farlo, chi doveva aprire indagini sancisce prescrizioni. In quale paese del mondo che si definisca civile simili atteggiamenti possono essere considerati normali? C'è ancora serenità e fiducia nella giustizia italiana?

«I problemi della giustizia italiana e del modo di amministrarla sono sotto gli occhi di tutti e sono problemi di carattere generale che riguardano tutti i processi e non solo ‘calciopoli’».

Moratti, Tronchetti Provera, Tavaroli, perché si è deciso di non ascoltarli in aula? Ha avuto un ripensamento in proposito? Riavvolgendo il nastro, imposterebbe in generale la difesa allo stesso modo e nel caso come la modificherebbe?

«Come difensori non abbiamo avuto nessun ripensamento e rifaremmo tutto quello che abbiamo fatto. Abbiamo la presunzione di ritenere di aver fatto un lavoro egregio. Ricordo a tutti che noi ci siamo fatti carico, da soli, di tutto il processo. Molti altri sono stati a guardare e altri sono stati a rimorchio e forse qualcuno ha pure remato contro. Basta leggere i verbali di udienza.»

Chi ha nascosto le intercettazioni? Verranno portate a compimento le denunce annunciate ai carabinieri che effettuarono le indagini?

«Tutte le anomalie riscontrate saranno sottoposte alla valutazione della competente Autorità Giudiziaria»

Ha costituito esito negativo il dissociarsi della difesa della Juventus dall'operato dei suoi dirigenti? Ci può essere davvero una logica nel vedere un Moggi condannato e una Juventus assolta?

«Ognuno ha diritto di impostare la propria linea difensiva come meglio crede.»

Perchè invece di impostare la difesa sul fatto che nulla di ciò che faceva Moggi costituiva reato per il CGS si è tentato di dimostrare che “così facevan tutti”?

«Il “così fan tutti” noi non lo abbiamo mai detto. Si è trattato solo di propaganda fatta “ad hoc” da chi ben sapeva che le intercettazioni “scoperte” dalla difesa facevano naufragare il castello accusatorio. Noi abbiamo sempre sostenuto la insussistenza dei fatti, rafforzata e confermata dalle nuove intercettazioni. Altro non abbiamo mai detto.»

Dal 9 di novembre 2011 non sono più uscite telefonate, baffate di rosso, scovate da Nicola Penta: è perchè non ce ne sono più o ne avete trovate ancora e ve le tenete ben strette?

«L’ascolto delle telefonate continua. E non solo quello. Altro non posso dire.»

Cosa pensa dell'intervista del “pentito”, subordinato di Auricchio, rilasciata al Corriere dello Sport? Essendo venuto allo scoperto solo dopo la sentenza di Napoli, chiederete la rinnovazione parziale del dibattimento?

«Noi non avevamo bisogno del “pentito” per capire come erano andate certe cose. Mi auguro si presenti davanti ad un P.M. a mettere a verbale quello che ha detto al giornale. Quando, e se farà questo, faremo le nostre valutazioni anche alla luce della motivazione della sentenza.»

Ci si può aspettare una totale assoluzione nel secondo grado di giudizio?

«Se non credessimo di ribaltare la sentenza di primo grado non faremmo appello.»

Che valore attribuisce a una Federazione che si dichiara incompetente?

«Per conoscere il mio pensiero sulla federazione basta riascoltare i miei interventi nel procedimento di radiazione.»



Ringraziamo l'avv. Prioreschi per la solita disponibilità.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our