Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Fiorentina
mercoledì 20.09.2017, ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di P. CICCONOFRI del 15/01/2014 11:51:44
Quando l’Inter perde è sempre un complotto!

 

Per l’ennesima volta, Fabio Monti del Corriere della Sera sponsorizza complotti anti-inter. Questo un estratto dal suo articolo del 15.01.2013:
“Siccome però non c’è niente di più divertente che castigare chi negli anni ha vinto molto, agli oggettivi problemi nerazzurri si aggiunge l’atteggiamento degli arbitri riassunto nell’ultima partita con il Chievo… il caso-inter ripropone la centralità della questione arbitrale, così come si è configurata in questi anni. C’è un’obiettiva antipatia tra il disegnatore arbitrale Braschi e l’inter e risale alla famosa partita di coppa Italia con il Parma (17 febbraio 1999)… e non deve esserci grande simpatia nemmeno tra il presidente AIA se l’8 aprile dopo le proteste di Moratti … Di fronte ai ripetuti e grossolani errori che si vedono in serie A, sono apparsi del tutto fuori luogo gli slogan di domenica (rai due): ’la pressione psicologica delle società sugli arbitri non è più credibile. La stagione è molto positiva, c’è stata una crescita generalizzata’. In che film? “.

A quanto pare Fabio Monti si è riservato uno spazio dedicato per i complotti anti-inter all’interno del Corriere della Sera (il 17 dicembre la crociata aveva toccato Tagliavento ). Sono anni che puntualmente dedica tempo al’argomento, accusando di volta in volta il colpevole che, secondo personali visioni, arrecherebbe danno all’inter. Questa volta, sul banco degli imputati sono finiti Braschi e Nicchi, i “castigatori” dei nerazzurri, i quali nutrirebbero antipatia verso la squadra milanese. E tanto per sostenere la tesi, ricorda un episodio legato a Braschi ancora in attività come fischietto (1999) e una risposta non gradita di Nicchi a Moratti, ritenuta “arrogante”. Non tralascia, in questo contesto, di bacchettare rai due, macchiatasi di una dichiarazione non gradita (“la pressione psicologica sugli arbitri non è più credibile”).
La storia si ripete: quando l’Inter non vince, i vari giornalisti-tifosi iniziano a parlare di complotti sfruttando il canale privilegiato che la professione gli offre, perorando cause perse che generano il solito clima di insinuazioni e pressioni, tipico di chi non sa più che scusa arroccare per giustificare l’ennesimo fallimento sportivo.

Fa quasi tenerezza il non voler ammettere un’inferiorità che il campo palesa in modo inequivocabile. E’ triste pensare che grazie a questi articoli, molti tifosi interisti, anziché accettare i risultati del campo, come una corretta cultura sportiva imporrebbe, continueranno ad inveire contro un sistema tale solo nelle loro menti. Per questo motivo continuo a chiedere perchè, chi dovrebbe, non vigila su una corretta informazione.
E’ difficile anche pensare a Braschi e Nicchi che incassano colpo su colpo senza rispondere alle accuse che gli vengono rivolte. E’ come se l’ambiente sia complice nell’assecondare l’ennesima teoria complottista contro l’Inter, lasciando che si dipinga come “vittima”.
Perché, se qualcuno ancora non lo sapesse, come ai bei tempi pre-calciopoli, sono già rispuntati i dossier arbitrali in ogni dove.

Commenta l'articolo sul nostro forum

Condividi su Facebook!


 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our