Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Sabato 15/12/18, ore 20,30
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Farsopoli di N. REDAZIONE del 20/02/2017 09:50:59
Le dichiarazioni di Carlo Porceddu sul 2006

 

Di Crazeology

L'avvocato Carlo Porceddu, Procuratore Federale della Figc dal 1998 al 2001, ora vice presidente della Corte d'Appello Federale, ha rilasciato una videointervista per l'Unione Sarda, dove ha toccato molti temi interessanti. Partiamo dalle sue parole.
"L'inchiesta dove si poteva fare certamente di più è Moggiopoli, tanto è vero che noi come Corte Federale abbiamo limitato la sanzione alla Juventus non revocando un titolo di Campione d'Italia (del 2005/06 ndr) perché non c'erano elementi sufficienti, infatti quell'aspetto era stato tralasciato. Poi il commissario straordinario della Federazione di quel periodo (Guido Rossi ndr) aveva nominato un gruppo di amici suoi, uno dei quali era stato anche nel consiglio di amministrazione dell'Inter, ed è stato revocato alla Juventus e assegnato all'Inter. Quello è stato un errore gravissimo a mio avviso".
Nella stessa intervista Porceddu ha toccato anche altri temi analoghi, tipo l'inchiesta sul calcio scommesse degli anni '80 e lo scandalo "Passaportopoli" (che coinvolse tra gli altri Recoba dell'Inter e Veron della Lazio). Per il secondo scandalo citato, egli dice che a suo tempo ha dovuto subire "pressioni da destra da manca dall'alto e dal basso". (LINK)

E così, ad oltre 10 anni di distanza, ancora una volta, qualcuno dall’interno della Federazione stessa, confessa davanti ad una telecamera che in effetti nel 2006 qualcosa non ha funzionato. Anzi, un po’ troppe cose non hanno funzionato.
Da ciò che si può intuire, interpretando con una certa libertà poetica le sue parole, e come io scrivo da oltre 10 anni, il famoso parere dei saggi dunque era utile solo a creare una sorta di legittimità posticcia e di facciata per giustificare la scelta dell’assegnazione dello scudetto all’Inter. Una legittimità di cartone insomma.

In buona sostanza, un tifoso Interista ha scelto lo staff con cui avrebbe dovuto lavorare, ha stravolto le regole vigenti togliendo un grado di giudizio, e poi ha dato lo scudetto di una stagione non sotto inchiesta all’Inter senza una vera ragione di tipo legale.
E nemmeno è stato utilizzato un semplice buon senso a dire il vero, perché applicare il "Principio Olimpico" ad un torneo con tante squadre che giocano una contro l'altra per tanti mesi, è tutt'altro che una cosa furba. Complessivamente è un pateracchio giuridico micidiale, che per un celebre e acclamatissimo professore di diritto non è mica male… Chi li ha ancora sulla testa, farebbe bene a mettersi le mani nei capelli.

Poi, sempre dalle sue stesse parole, il dottor Porceddu ci fa capire che se bisogna prendere certe decisioni che riguardano certe squadre, c’è un intero mondo occulto (neanche tanto occulto in verità), che si muove attorno al mondo del pallone e così cominciano le pressioni per cercare di adattare, edulcorare, evitare, attenuare, condizionare, ecc, le decisioni stesse o gli eventuali effetti di queste.

Riguardo poi allo scandalo Passaportopoli egli ha confermato ancora una volta un fatto molto grave, ossia che in quella inchiesta c’erano sì, dei documenti falsi, ma c'erano anche documenti veri. Solo che quelli veri erano stati rubati ad alcuni enti pubblici di Latina (patenti, passaporti, ecc). Questo presuppone dunque che, pur con tutte le cautele del caso, alcuni dirigenti di club potenzialmente possano direttamente o indirettamente aver avuto a che fare, forse, con delinquenti di professione che hanno procurato loro il necessario. Sarebbe stato utile appurare e punire, nel caso.
Ripeto: chi li ha ancora sulla testa, farebbe bene a mettersi le mani nei capelli.

Concludendo, quindi, per molti anni il signor Moggi Luciano e il signor Giraudo Antonio in particolare (oltre a tutta la Juventus), hanno dovuto competere in un campionato dove alcuni club hanno scientemente schierato giocatori che non avrebbero potuto giocare alterando così interi campionati (Veron ne ha pure vinto uno). Per non parlare dei bilanci e altri imbrogli.

Domandina facile facile a cui nessuno avrà mai il coraggio di rispondere: in tutto questo scempio del calcio italico, dove stava la famiglia Agnelli-Elkann e i loro super-mega-iper-storici consulenti interni? Che facevano, di grazia? Perché mai nessuno della proprietà della Juventus si è scandalizzato per la situazione?


Di fondo il rischio economico lo sopporta chi detiene un bene, eppure di questi danni così evidenti subiti, sia a livello di marchio e sia a livello di bacheca, mai nessuno si lamenta nemmeno oggi. Interessante no?

Altra domandina facile facile: senza tutti questi innumerevoli pasticci, quanti scudetti avrebbe vinto davvero la Juventus? 40-45-50?

Chiudo con un’ultima annotazione. Attenzione cari lettori, il dottor Porceddu non ha mai detto che Luciano Moggi è innocente, quindi neanche quella Juventus per lui lo è. Alle sue dichiarazioni dunque manca comunque un bel pezzo di verità, che solo pochissimi tifosi Juventini in questi anni hanno pazientemente e mirabilmente cercato, trovato, e diffuso; ossia che la Juventus ha pagato ingiustamente per colpe che, stante ai fatti acclarati, invece vanno attribuite ad altri club.
Ora, valutando la situazione pallonara, attuale e non, a Torino, Milano, Roma, nelle redazioni dei giornali e delle televisioni, nei tribunali della Repubblica, nella politica, ecc ditemi voi se non è un disastro su tutta la linea...
Io ancora qualche capello ce l'ho, anche se non più come un tempo, quindi faccio che...

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!








 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our