Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
venerdì 28/04/17, ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di N. REDAZIONE del 19/04/2017 07:15:43
Niente paura al Camp Nou

 

Di Crazeology

Che partita dovrà fare la Juve al Camp Nou? Che atteggiamento dovrà avere?

La partita di andata ha fatto capire al mondo intero che la Juve è ormai una squadra matura, pronta per calpestare, con continuità e da protagonista, grandi palcoscenici, spesso ostici ma anche molto prestigiosi. Certo, rispetto alla finale di CL del 2015 le cose sono un po’ diverse, (perché mancano all’appello Pirlo, Vidal, Morata, Pogba e Tevez), ma chi è arrivato dopo, (ossia Dybala, Higuain, Pjanic, Cuadrado, Khedira, Mandzukic, ecc), non sembra affatto essere da meno. Diciamo che si tratta solo di una squadra tatticamente e strutturalmente “diversa”. Forse più completa e forte davanti, e meno fantasiosa e talentuosa a centrocampo. Inoltre, con una panchina più forte rispetto al passato. Il cambio di modulo di qualche mese fa poi, le ha permesso di far fruttare meglio le potenzialità, non tanto dei singoli ma del complessivo. Certamente il Barcellona, pur tra alti e bassi, resta una delle squadre più forti del mondo, e confrontarcisi in modo adeguato non sarà scontato, soprattutto in casa loro. La squadra di casa infatti ha il dovere di attaccare fin dal primo minuto, perché il tempo è tiranno, e a bocce ferme devono segnare almeno 4 reti per passare il turno. Ricordiamo che nelle ultime partite di CL giocate in casa, i Catalani hanno segnato più di 20 gol (6 al PSG, 4 al Borussia M., 4 al Manchester City, 7 al Celtic, ecc), e non hanno incassato quasi nulla. Come tutti sanno, si tratta di una squadra che segna moltissimo. Comunque, valutando il periodo attuale (per comodità, diciamo dal primo marzo in poi), in tutte le competizioni, al di là dei risultati, il Barcellona ha preso 14 gol in 10 partite. Non è una squadra imperforabile, anzi.

Dunque, la Juve non dovrà fare solo una partita di attesa, nella speranza che i gol del Barcellona siano meno di 3. Quindi non si può, e non si deve assolutamente, fare una partita di solo contenimento, ma sarà necessario sfruttare con efficienza e spietatezza tutti gli spazi che per forza di cose si creeranno nella difesa blaugrana. In questa prospettiva, è normale che si continui con la tradizione della gestione di Allegri, dove non solo la B+BBC, ma tutti gli undici in campo, si diano da fare per difendersi dalle obbligate sfuriate di Messi&C, ma la Juve non dovrà mai dimenticare chi è, la forza offensiva che ha, e le proprie molteplici potenzialità. E se sul campo ci saranno le opportunità, non è vietato vincere la gara, anzi.

Probabilmente, salvo che inconsciamente i Catalani non abbiano abdicato già prima della gara (cosa che oltre ad essere insensata, è anche una possibilità a mio modesto avviso molto remota), ci sarà da battagliare parecchio, ed è giusto che sia così; per lo sport, per le rispettive maglie, per gli obbiettivi stagionali di ogni giocatore e delle due squadre, e per noi spettatori.

Per raggiungere grandi obiettivi, soprattutto nei tornei da dentro o fuori, bisogna giocare senza paura e senza cercare di fare troppi calcoli, dal primo minuto all’ultimo. Mai arrendersi, senza paura di nessuno.

Loro non si arrenderanno fino all’ultimo, perché sono ben consapevoli della loro forza, noi dovremo fare altrettanto.

Buona partita e che vinca il migliore.

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!








 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our