Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Lazio
domenica 13.08.2017, ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Editoriale di N. REDAZIONE del 12/06/2017 08:49:06
Il Grande Triplète del 2010

 

Di Crazeology

Non nascondiamoci dietro un dito: la sconfitta di Cardiff è una delle più grandi di sempre per la storia del club Juventus. E anche per tutti noi piccoli e intercambiabili clienti del club stesso. Bisogna ammetterlo davanti a tutti e davanti alla storia. Era ovvio, alla luce dei fatti, che in questi giorni post Cardiff ci fossero degli sfottò provenienti da tutta l'Italia antijuventina, volti a ridicolizzarci. Anche da una delle sponde dei navigli (capito Paolo Rossi di JTV?). Forza su, accettiamolo, e nell'ordine delle cose.
Io però, carissimi lettori vicini e lontani, nel mio piccolo, devo ammettere un mio grande peccato. L'invidia. Eh sì. Di mio non sono invidioso, non per natura almeno, ma da quel lontano 2010 vivo nella più grande invidia di un risultato sportivo che mai la mia Juve sarà in grado di eguagliare: il Triplete. Che tra le altre cose ha chiuso un ciclo compreso anche di alcuni scudetti e coppe varie.
E' una delle poche debolezze della mia vita. Lo so che questo mi alienerà molte simpatie, ma preferisco essere sincero di fronte al mondo intero. So anche quali sono molte delle critiche che tanti Juventini staranno facendo mentre leggono questo mio sfogo, magari anche ridendo sarcasticamente o sbraitando, ossia che però c'era in un certo cda un certo Gagg, che ci sono stati errori arbitrali abbastanza grossolani, e pasticci vari, in quel torneo.
Si, vabbè, questo è anche vero, ma io sono invidioso lo stesso. Mica devo chiedere il permesso a qualcuno per esserlo.

Io oggi, purtroppo, come tifoso della Juventus, sono solo in grado di poter restituire uno sfottò dicendo che ci sono tanti club che stanno a guardare le nostre partite europee in tv, ma la nostra bacheca con quel preciso buco parla chiaro. E una volta tanto, almeno per un attimo, voglio anche provare ad essere sportivo e non invidioso, e fare i complimenti a chi a suo tempo raccolse dolci frutti che avrei voluto raccogliere anche io a Cardiff.
Un grande complimento dunque, ancora oggi, dopo ben 7 anni, a quella mitica Telecom Italia per i suoi 4 scudetti vinti + uno auto assegnato, e per la Champions League 2010.
Un'invidia che colpisce me, ma anche altri. Per esempio colpisce anche i tifosi della Roma, che hanno meno scudetti della Telecom Italia e non hanno ancora mai vinto una Champions League. Discorso analogo per i tifosi napoletani, che per godere un pochettino si devono affidare ai ricordi argentini di un tempo che fu, o ad una buona pizza, o ad un buon caffè, o al suono di un mandolino, o ad una spettacolare mozzarella di bufala (senza diossina), o a qualche piccolo e innocuo petardo illegale che somiglia ad una granata. Oppure, pensiamo per esempio anche ai tifosi dell'Inter che, poverini, esausti e avviliti, sognano il loro 14° scudetto dal 1989, e la Champions League, anche senza correzioni nel caffè, addirittura dagli anni 60. Per loro la vita è durissima...

Una volta tanto, una volta sola almeno, noi tifosi vogliamoci tutti bene senza rancori. Un abbraccio a tutti loro dunque, e anche a tutti i lettori, amici e nemici. W lo sport anche quando si perde o si stra-perde. Con la dovuta grande commozione, pensando al triplete del 2010, chiudo citando un vecchio celebre aforisma.
Un sostituto procuratore generale di Milano, durante una delle ultime udienze di un processo penale del 2016, disse:
“E’ una vicenda di gravità inaudita. È stato creato un sistema per influenzare e ledere la dignità delle persone, degli interessi imprenditoriali, dello Stato e della sicurezza nazionale”.
Salutoni e onestissimi baci sul becco di ogni gufo (longobardo e non).

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!





 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our