Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Editoriale di S. BIANCHI del 29/05/2018 08:00:06
18 Maggio 1993:

 

Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco: lì per lì, sembrava un altro degli svarioni linguistici del grande e amatissimo Giovanni Trapattoni, in arte “Trap”. Facile, prendere in giro una persona che ha studiato poco, con l’adrenalina della gara ancora alta e che, per contratto, deve apparire in televisione a parlare davanti a torme di giornalisti che spesso hanno studiato meno di lui.

Basta dare un’occhiata su Wikiquote: la sua è tra le pagine di citazioni più nutrite. Spesso imbracciava il suo colorito e sgrammaticato italiano per difendersi dai soloni del calcio: “Non insegno chimere, le lascio a Sacchi. Icaro volava, ma Icaro era un pirla” e “Sacchi dice che un C.T. è come un eunuco nell'harem? Parli per sé. Io ce le ho tutte e due” (Corsera,6 giugno 2011). Sacchi , e non solo: “Un allenatore non deve dormire. Lui fa ronf, ronf e la partita finisce 0 a 0. Sbagliato. Un coach deve sempre essere sveglio e indovinare il cambio decisivo” (Gazzetta dello Sport, 23 marzo 2009).

Non si fermava nemmeno davanti a una lingua ostica come il tedesco: famosissima la celebre conferenza stampa in cui rimproverava lo scarso impegno al centrocampista Strunz, utilizzandone il cognome come l’assonante parola italiana lascia intendere. Spesso, infilava battute gustose nel discorso, come: ”In Irlanda piove due volte a settimana. La prima da lunedì a mercoledì, la seconda da giovedì a domenica” (Gazzetta.it, 30 dicembre 2012), o “In vita mia sono stato fortunato. Quando sono arrivato davanti al passaggio a livello, la sbarra era sempre alzata. Forse sono stato io a inventare il Telepass” (Corsera, 6 giugno 2011).

Intelligente com’è, non ha mai sottovalutato l’apporto della fortuna al suo lavoro: “Non sono né la Lollobrigida, né Marlyn, non merito tante attenzioni, sebbene spesso abbia anch'io un bel culo!” (Gazzetta dello Sport, 23 marzo 2009). I nonsense e le frasi contorte hanno un ampio riscontro: “There is one ball, c'è un solo pallone e bisogna corrergli dietro. Se non lo rincorri fino alla nostra area, sei Ponzio Pilato” (Gazzetta.it, 30 dicembre 2012).
Ancor più frequenti le gaffes vere e proprie: “Noi non compriamo uno qualunque per fare qualunquismo" e “Sia chiaro però che questo discorso resta circonciso tra noi” (Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992), continuando con “Una sfida ostica, ma anche agnostica” (Repubblica.it, 16 marzo 2009), “Abbiamo ritrovato il nostro filo elettrico conduttore” e “C'è maggior carne al fuoco al nostro arco, anche se l'arco lancia le frecce” (Corsera, 6 giugno 2011), per finire con "Non mettiamo il carro davanti ai buoi, ma lasciamo i buoi dietro al carro" (l'Unità, 8 giugno 2011).

Poi ci sono le considerazioni “animaliste” del Trap, come “La palla non è sempre tonda, a volte c'è dentro il coniglio" (MicroMega, 12 luglio 2010) e “Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco”. Se è vero che nel calcio non s’inventa nulla, forse il Trap ha inventato qualcosa in un campo che non è il suo. I linguisti, alcuni di essi, almeno, citano questa cosa del gatto tra i proverbi piuttosto giovani, una variante moderna di: “Non dire quattro se non ce l’hai nel sacco”. Comprendere il detto è piuttosto semplice: il gatto è veloce, imprevedibile, agile, per cui non è facile chiuderlo in un sacco, e nessuno può dire di averlo acchiappato prima di averlo fatto davvero.

Forse è Don Giovanni da Cusano Milanino, ad aver inventato questa variante di saggezza popolare, forse no: di certo è lui che ha dato inizio al tormentone. La cosa nacque il 18 o il 19 maggio 1993. In finale di Coppa UEFA, la Juventus aveva già regolato il Borussia Dortmund con un tre a uno esterno e stava per giocare il ritorno a Torino. Ai giornalisti che sostenevano come la Juve avesse già la Coppa in tasca, il Trap, uomo concreto e con i piedi per terra, in conferenza stampa pronunciò il celebre “Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco”. Per la cronaca, Möller e la doppietta di Dino Baggio chiusero il sacco col gatto dentro.

Dall’articolo forse non si è capito, ma tante volte lo leggesse anche lui, una cosa mi preme che sia chiara: Trap, ti voglio bene! Perché, come dicevi tu stesso “Se non si può vincere bene, che almeno si vinca. I risultati restano, le squadre spettacolari e le parole durano ventiquattr'ore” (Gazzetta dello Sport, 23 marzo 2009). E tu se come i tuoi risultati: restano nella storia .. e nei cuori.

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!









 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our