Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
NAPOLI
Sabato 31/08/19 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Farsopoli di F. ZAGARI del 13/06/2019 09:13:19
Dall'operazione Fca-Renault spunta Calciopoli

 

Lo ha espressamente messo nero su bianco "Panorama", scandagliando gli eredi, o meglio l'erede più annoiato e rampante della famiglia più ramificata della penisola. Dall'ultima riunione della Giovanni Agnelli BV (oggi una società di diritto olandese) fino all'operazione (sfumata) Fca-Renault (dove il gruppo avrebbe incassato un assegno miliardario), passando per la morte di Marchionne e la cessione (con tanto di scorpacciata di dividendi) della Magneti Marelli, il settimanale fondato da Arnoldo Mondadori ha messo in evidenza il percorso di John Elkann (presidente del gruppo Fca e di Exor, finanziaria della famiglia Agnelli), dipingendo un personaggio che "a meno di un anno dalla morte del vero cervello di Fca Group-Exor-Ferrari, si è sentito come liberato dalle "catene" in cui era stato avvolto".
Potendo inebriarsi del potere assoluto, potendo finalmente fare di testa sua senza rendere conto a nessuno, pervaso da una incontenibile frenesia: diventare sempre più ricco, monetizzare quanto più è possibile, liquidare le "vecchie attività", fottersene delle raccomandazioni del nonno. Un quadro, facendo riferimento alle "vecchie attività", che inevitabilmente ha toccato anche la Juventus e quella brutta storia che ha coinvolto nell'estate del 2006 la più gloriosa società italiana di football.

Il periodico diretto da Maurizio Belpietro non ha lasciato spazio a dubbi, mettendo nero su bianco quanto accaduto nei meandri di casa Agnelli. "Per non parlare della Juventus: piuttosto che lasciarne la guida ad Andrea Agnelli, ha accettato di mandarla in serie B (privandola di una difesa legale adeguata e subendo tutte le decisioni del presidente della Juve di allora, Franzo Grande) nel timore che il cugino diventasse troppo popolare e facesse ombra alla sua leadership. Andrea è riuscito ad avere quell'incarico solo con quattro anni di ritardo dopo che milioni di tifosi juventini hanno assistito impotenti allo scempio sportivo e finanziario compiuto dalla coppia Jean-Claude Blanc (scelto personalmente da John) e Giovanni Cobolli-Gigli (imposto da Gabetti e ignaro perfino di quanti scudetti avesse vinto il club bianconero)."

L'ennesima conferma, a distanza di ormai tredici anni, di ciò che in pochi (allora) compresero dopo le parole espresse in data 7 maggio 2006 dallo stesso John Elkann: "Siamo qui per dimostrare la nostra vicinanza alla squadra. Tutta la vicenda non ci ha lasciato indifferenti, ma ci sono le sedi opportune per discuterne e per risolvere". Quell'opportunità (mandare in serie B la Juventus) che si scontrò inevitabilmente con l'inopportunità dello scandalo equity swap che coinvolse l'Avvocato Gabetti (John Elkann dichiarò "inopportuno" prendere provvedimenti, dichiarando fiducia ed attendendo gli esiti dell'inchiesta) e l'inopportunità della vicenda Margherita relativa all'eredità Agnelli (John Elkann dichiarò "inopportuno" parlarne sui giornali e infangare la memoria del nonno).

Quell'opportunità che si avvalse del dossieraggio illegale e delle pubblicazioni delle intercettazioni telefoniche su Luciano Moggi, atti che violarono il segreto istruttorio e fecero scoppiare lo scandalo e tutto ciò che inevitabilmente ne conseguì.

LINK ALL’ARTICOLO DI PANORAMA



La nostra pagina twitter

La nostra pagina facebook

Commenta con noi sul nostro forum!


 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our