Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Napoli
Domenica 04/04/2020 ore 20.45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Eventi di S. BIANCHI del 10/01/2020 09:58:01
10 gennaio 1960

 

Nel campionato 1959/60, dopo l’inopinato black-out durato una stagione, con la squadra affidata a Carlo Parola (allenatore confermato) e al redivivo “Cè”, il grande Cesarini (Direttore Sportivo), la nostra Juventus rimette in fila le avversarie con un campionato sontuoso.

E dire che il girone di andata stava per compromettersi: la sconfitta di Bologna ci vedeva raggiunti dalla squadra di Pivatelli e di Pascutti, che per fortuna tornavano a due punti al turno seguente, per la nostra vittoria in casa col Genoa e la loro sconfitta con la Sampdoria. La domenica seguente, a Napoli perdiamo di nuovo, e l’Inter, superando il Bologna, si porta al secondo posto in classifica, a un solo punto da noi. Come in un film giallo, è quindi il turno proprio di Juventus - Inter, la gara di cui abbiamo parlato recentemente, quella della “fischiettata” di Lo Bello a Locatelli: la vittoria sui nerazzurri determina l’aumento a tre punti del nostro vantaggio in classifica, poiché il Bologna perde in casa col Vicenza e il Milan fa zero a zero a Palermo. Nella penultima gara del 1959, facciamo uno a uno a Udine per finire l’anno in bellezza col quattro a zero alla Roma di Losi, Ghiggia e “Piedone” Manfredini: sul tabellino, spiccano i nomi di Boniperti, Stacchini e due volte quello di Sivori. 

Gli anni ’60, che il due gennaio si aprono con la morte di Fausto Coppi, un caso di malasanità ante - litteram, calcisticamente iniziano il dieci gennaio con la quattordicesima di andata. A Milano, contro i rossoneri di Ghezzi, Liedholm, Maldini, Schiaffino e Altafini, i nostri scendono in campo con: Mattrel, Castano e Benito Sarti; Leoncini, Cervato e Umberto Colombo; Nicolè, Boniperti, Charles, Sivori e Stacchini.La novità di quella quart’ultima giornata del girone di andata è il battesimo di “Tutto il calcio minuto per minuto”: è proprio la Juventus - Milan a inaugurare la storica trasmissione come campo principale, con Niccolò Carosio in cabina radio, con Enrico Ameri collegato per Bologna - Napoli, mentre per Alessandria - Padova la cronaca è affidata ad Andrea Boscione. Anche il primo gol della trasmissione è firmato da un bianconero, raccontato in diretta dal grande Carosio: è il sesto minuto del secondo tempo e l’autore è Gino Stacchini; Cervato segnerà poi, al settantaquattresimo, il gol del due a zero finale che proietta la Juve verso lo scudetto.

Se, negli anni, “Tutto il calcio” diverrà una trasmissione culto, espandendo le radiocronache dei secondi tempi a tutti i campi della Serie A (e al principale della Serie B), la Juventus, che “cult” lo era già, se ne andava a vincere il suo Scudetto numero undici con ben otto punti di vantaggio sui viola di Giuliano Sarti, Hamrin e Gratton, col “Trio delle Meraviglie” a fare sfracelli, con Sivori e Charles autori, rispettivamente, di ventotto e ventitré reti. Quella “macchina da calcio”, mi perdoneranno i puristi per la citazione “argentina”, quell’anno conquistava anche la Coppa Italia, la quarta per i nostri colori, inaugurando anche la serie delle “doppiette”. In finale chi facemmo fuori? La solita, tenace, Fiorentina.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!




 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our