Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Barcellona
Mercoledì 28/10/20 ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Eventi di F. DEL RE del 21/01/2020 07:24:25
Una vergogna italiana

 

Pietro Anastasi se n'è andato, soffrendo le pene di un male infame e incurabile, la fottutissima SLA. Un addio doloroso, che avrebbe dovuto coinvolgere tutto il calcio italiano, perché Pietro è stato grande protagonista con le maglie del Varese, della Juventus, dell'Inter e dell'Ascoli, ma anche con quella azzurra della nazionale, per la quale segnò la rete del 2-0 nella seconda finale dell'Europeo 1968, giocata a Roma e vinta, per 2-0 appunto, contro la Jugoslavia.

Quell'Europeo è stato il primo e l'unico vinto dall'Italia. Soltanto 22 giocatori nella storia del nostro calcio possono vantarsi di aver alzato al cielo quel trofeo; soltanto quattro giocatori nella storia del nostro calcio sono a referto come marcatori in una finale dell'Europeo e Anastasi è, in entrambi i casi, uno di questi; record ottenuti a soli vent'anni essendo, fra l'altro, il più giovane calciatore di quella rosa.

Anastasi di cui non si ricorda mai una polemica, mai una presa di posizione pacchianamente partigiana; Anastasi, il Pelè bianco, l'uomo della riscossa del Sud, l'emigrante che lassù al Nord ce l'aveva fatta e per questo fu eletto a simbolo di tanti anonimi emigranti che in lui identificavano la riscossa sociale ottenuta col duro lavoro e con la forza morale di quel duro lavoro. Un uomo per bene e un grande giocatore, che Juventus e Inter, non so cosa abbiano fatto il Varese e l'Ascoli e me ne scuso, hanno ricordato con la fascia nera del lutto al braccio e con un minuto di silenzio. Onore a loro, ma disprezzo e disonore verso una federazione, o una lega, poco importa, che non ha sentito la necessità di estendere il suddetto minuto di silenzio su tutti i campi e per tutti intendo non solo quelli della Serie A, ma di tutte le manifestazioni calcistiche professionistiche.

Una figura di palta evitabilissima, se a comandare il misero calcio italico ci fossero persone minimamente preparate, minimamente coscienti di ciò che sia il rispetto, la cultura, il ricordo doveroso che si deve ad un atleta simile, ad un uomo simile.
Ciao Pietro. Per me non c'è stato un minuto di silenzio per ricordarti, ma tanti, tanti minuti e un lutto nero nell'anima, più che attorno ad un braccio



La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!



 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our