Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Mercoledì 15/07/20 ore 21,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Editoriale di G. GALAZZO del 18/06/2020 11:34:12
E' tutto da rifare!

 

Quasi tutto da rifare; questo immagino sia chiaro a tutti e forse forse lo è anche in società. Sì, ma come?

Che Sarri stia annaspando in via di un (temo) definitivo affogamento, è tanto scontato quanto banale affermarlo adesso e, se le colpe sono sempre patrimonio indiscusso del condottiero, forse è il caso di sgombrare la mente da questo facile alibi, pur se parzialmente vero, molto o poco dipende dai punti di vista.

Credere che Sarri si sia smarrito nella pochezza inventiva (fermo restando che nel calcio nessuno inventa nulla), non è a mio parere la giusta chiave di lettura della condizione in cui siamo.

E più probabilmente, dal punto di vista tecnico (inteso come allenatore), la consapevolezza psicologica che il mister probabilmente è in una realtà troppo più grande di lui, ove il suo (non)carisma probabilmente non ha fatto breccia nello spogliatoio, con la conseguenza che gli alunni sono stati e sono distratti durante le lezioni di sarriball sino ad averne un rigetto.

Il limite di Sarri è proprio quello, di voler cercare, senza trovarla, un'alternativa alle sue idee, un compromesso che lui, né tanto meno la squadra è capace di trovare.

Ma poi: è questa una Juve competitiva? Vedi i nomi e lo credi, leggi la rosa e la condizione del centrocampo (per evidenziare il nocciolo principale) e ti rendi conto di quanto aleatorio possa essere il crederlo: Matuidi è più da Tokyo 2021 per l'ultima gara in programma nell'atletica, Khedira come Ramsey sono cristallizzati nel loro talento imbrigliato in sortite quotidiane nell'infermeria, Rabiot è forse un Balottelli bianco che gioca (si fa per dire) o deambula nel deserto delle idee e della "bradipicità", Pjianic è uomo da tre grandissime partite all'anno, Bernardeschi non è né carne né pesce nel tentativo di trovargli un ruolo.

Se avanziamo nella zona top; ci troviamo un esterno talentuosissimo come Costa che ormai teme qualsiasi giocata per paura di strapparsi e un dilemma Dybala che, per uomini, carenza di idee, posizioni in campo, non si riesce a rendere una macchina da guerra.

Servirà cambiare solo allenatore? Ma poi chi? Prendi un Inzaghino da 352 con i top tutti fermi nelle loro squadre? L'unico potrebbe (anzi, dovrebbe essere) il gigantesco Gasp, supportato però da una rosa che ha bisogno di linfa giovane e talentuosa in mezzo, di talento non ondivago sugli esterni, di una punta.

Chiudo il mio delirio che non è figlio di una coppa persa (che a me scalda il cuore come aver la Mazzamauro sotto le lenzuola), è un delirio di sconforto per aver buttato dieci anni o quasi di dominio assoluto senza sfruttare l'occasione per un'autentica, auspicata, voluta e creduta crescita di gioco internazionale.

Amici miei: accontentatevi, sempre che sara possibile, di essere il Celtic d'Italia.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!




 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our