Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Mercoledì 15/07/20 ore 21,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di F. FILIPPIN del 19/06/2020 15:58:36
Una ripartenza 'soft'

 

Diciamocelo chiaramente: speravamo in una ripresa della stagione calcistica un po' diversa, almeno per quello che ci riguarda direttamente.

Dopo la soporifera semifinale con quel che restava del Milan, le cose più interessanti della finale di coppa Italia per noi sono state la “pausa emozionata” del cantante di Amici durante l'inno e la sfavillante grafica virtuale per simulare la presenza di cartelloni colorati allo stadio (sia ben chiaro, comunque non paganti), non si capisce bene a che pro, se non quello di ingenerare nei telespettatori raptus di violenza verso lo schermo della tv, ipnotizzati dal movimento frenetico.

Figuriamoci il resto, tralasciando ogni commento sul momento dei rigori finali, dove sapevamo tutti come sarebbe andata a finire quando abbiamo visto entrare in campo Danilo (“mica Sarri lo metterà dentro per fargli battere un rigore?!?” E infatti...)

Si volta pagina e si ricomincia, finalmente o purtroppo, lo vedremo, col campionato.
Anche qui emozioni a non finire, non ultima il nuovo protocollo, definito con molta fantasia “quarantena soft”, approvato dal fantomatico CTS: in soldoni, molto approssimativi (la questione ormai è molto noiosa e stucchevole e non ho più voglia di approfondire), se un giocatore risulterà positivo, sarà isolato solo lui con tamponi a tappeto per gli altri membri della squadra, compreso un test veloce a poche ore dalle partite.
E chissenefrega se per noi, comuni mortali, in caso di grigliata condominiale tra soggetti sani, ma senza distanziamento, intervengono gli elicotteri dell'esercito: mica siamo CR7 o Lukaku.

A pensar male si potrebbe dire che la “quarantena soft” è un mezzo geniale per evitare il rischio di sospensione definitiva del campionato, una volta visto il livello attuale della Juventus, quella che per i più sarebbe bene non vincesse.
Per il bene del calcio italiano, ovviamente.
Quale migliore occasione di questa per interrompere una egemonia che, a detta di tutti (gli antijuventini), è la causa principale dello sfacelo del nostro calcio? A pensarci bene basterebbero probabilmente i playoff, purchè a partita secca, dove abbiamo percentuali di vittoria ridicole pur partendo spesso da favoriti.

Questa, però, è un'altra storia, che ci toccherà affrontare ad agosto, con la nuova formula della Champions League, dove le nostre possibilità di vincere tre “finali” consecutive (anzi quattro, visto il ritorno da dentro o fuori con il Lione) sono realisticamente prossime allo zero.
Ributtiamoci, intanto, nel campionato, dove il fatto di affrontare trasferte come quella di Bologna senza essere accolti dai tifosi avversari “festanti” al passaggio del nostro pullman, sarà probabilmente straniante e potrebbe confondere ulteriormente le idee ai nostri, anche più degli schemi offensivi di Sarri.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!






 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our