Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Dinamo Kiev
Mercoledì 02/12/2020 ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di P. CICCONOFRI del 22/10/2020 15:35:00
Europa League: e le ASL, dove sono?

 

Le famose ASL di Napoli, o almeno una delle due ASL intervenute prima di Juventus Napoli, ci hanno spiegato, durante i loro numerosi interventi pubblici, che senza chiedere permessi di sorta a nessuno, possono intervenire a tutela della salute dei cittadini. Una tutela particolare per il Napoli calcio dettata dalla volontà di salvaguardare la salute di calciatori, dirigenti e di chi sarebbe potuto entrare in contatto con loro.

Veniamo ad oggi, giornata di Europa League con il Napoli impegnato al San Paolo con l'AZ Alkmaar che ha una rosa decimata dal virus con ben 9 positivi. La ASL non è intervenuta, né per bloccare il volo, né per bloccare la partita in quanto, da protocollo Uefa, le procedure sono state perfettamente rispettate. Le ASL interverranno solo, come leggiamo sulla Gazzetta, se i giocatori mostrassero sintomi o problemi di salute.

A pensar male si fa peccato, ma giocare contro una squadra modesta, decimata dal Covid, non dovrebbe dispiacere così tanto, calcisticamente parlando. E per essere maliziosi, se in Italia il Napoli ha attivato tutti i jolly mediatici per cercare di mitigare, con l’aiuto del sentimento popolare antiJuve, le penalizzazioni della pur malleabile giustizia sportiva, risulta più complicato non rispettare un protocollo UEFA (che in pratica è lo stesso della FIGC) e pensare a qualche soluzione creativa per evitare penalizzazioni.

Ma se ben guardiamo la realtà, questa sera il Napoli giocherà, consapevolmente, contro una squadra con un grande focolaio attivo proprio come con il Genoa. Solo fra 3 gg, il Napoli sarà nuovamente impegnato il campionato e in trasferta a Benevento, proprio come con la Juventus.

Teniamo anche conto che dal 4 ottobre, la situazione generale relativa al COVID è peggiorata ulteriormente, soprattutto in Campania, che rimane una delle regioni più colpite.

È bizzarro e dovrebbe far riflettere, la mancata richiesta di rinvio da parte delle ASL della partita di questa sera di Europa League, molto più a rischio della trasferta di Torino, sia per i giocatori che in generale, visto che il Napoli non è più in bolla e i tesserati possono rientrare tranquillamente a casa.
Chi dovrà giudicare il ricorso del Napoli avverso la decisione di Mastrandrea dovrebbe tenerne conto.

È curioso invece capire come si muoverà De Laurentiis nei prossimi giorni. Chiamerà il presidente del Benevento tentando di rinviare la partita? Chiederà in questo caso, alle ASL, pareri pressanti fino a poche ore dal match? Sarà preoccupato di non infettare i prossimi avversari? D’altra parte, proprio come con il Genoa, giocheranno con una squadra focolaio

Se questi sono i fatti, è chiaro che manca la coerenza nei comportamenti della società Napoli, mentre l’opportunismo della situazione assume contorni sempre più chiari.

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!

La nostra pagina FACEBOOK


 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our