Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Dinamo Kiev
Mercoledì 02/12/2020 ore 21,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Eventi di F. DEL RE del 25/10/2020 09:33:40
Il più grande? Pelè!

 

"Babbo, chi è stato il più grande giocatore del mondo? Pelè. È stato Pelè"

Basterebbe l'incipit sopra per descrivere Pelè, Edson Arantes Do Nascimento. Ero un bambino quando iniziai ad affacciarmi curioso e affascinato sul mondo del calcio, sui suoi mille colori, sulle sue mille bandiere, su quei personaggi tutti diversi, ma meravigliosamente tutti uguali su un campo da calcio: biondi, mori, coi capelli lunghi o corti, coi baffi o senza, con la barba, con la pelle chiara, con la pelle scura. I mondiali di Spagna erano appena terminati con la vittoria probabilmente più bella nella storia della nostra nazionale e la mia sete di notizie, la mia voracità onnivora nell'apprendere storie, dati, immagini un giorno mi fece porre a mio padre una domanda tanto semplice quanto enorme: "babbo, chi è stato il più grande giocatore del mondo?"

Oggi quel giocatore ha ottant'anni. È del tutto inutile descriverne le gesta; tutti le conoscono. È del tutto inutile elencarne i record; tutti li conoscono. È persino inutile fare confronti con altri fenomeni, passati ed attuali, per mille e mille motivi; che tutti conoscono. Quello che è interessante di Pelè è il perdurare del suo mito, del suo fascino, della straordinaria equazione: il più grande di tutti uguale: Pelè. Capace di ogni cosa a livello tecnico, fu grandissimo colpitore di destro, il suo piede naturale, di sinistro e persino di testa, lui che un gigante non è. Fu velocissimo nello stretto, come sull'allungo. Fu rapidissimo di testa prima che di piedi. Fu straordinario realizzatore, rifinitore, accentratore e dispensatore di palloni e di idee. Fu qualcosa di talmente straordinario per la completezza del proprio repertorio che mai più nessuno è stato a lui paragonabile. Forse solo Cristiano Ronaldo possiede oggi questa completezza di mezzi straordinari. Ma Pelè era forse qualcosa di ancora di più a livello tecnico, palla al piede. Un dribbling unico, irripetibile, massima esaltazione di una cultura popolare calcistica che fonda e si fonde con mille cose diverse, con mille tradizioni che derivano quasi tutte dall'Africa; come la Ginga, elemento filosofico base della capoeira che sta alla base anche del Futebol Bailado. Una cultura che, come molto spesso succede a chi devia da tradizioni e riti consolidati, veniva considerata inadatta al risultato. Lui e chi come lui fu capace di esaltarne le qualità oltre i limiti la elevò, invece, a mito invincibile. Il bello che diventa utile. L'utile che si raggiunge attraverso il bello. Una cosa meravigliosa, ad oggi ancora ammirata e studiata.

Due giorni fa è stato il tuo compleanno O Rei; O Rei do Futebol, A Peròla Negra. Edson, Arantes, Do Nascimento. Seppur con due giorni di ritardo: Buon compleanno Pelè.

https://www.facebook.com/groups/94673165273/?ref=group_header> Iscriviti alnostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!





 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our