Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Domenica 17/01/2021 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di N. REDAZIONE del 05/01/2021 13:34:16
Il giallo dell'onestà petrolifera

 

Di Crazeology

Anche se in questa sede, principalmente, si racconta per iscritto di pallone e pallonari a vario titolo, è nostro dovere informare i lettori meno attenti di una vicenda interessante extra-calcio. Una onesta vicenda, si potrebbe dire. Vicenda che riguarda chi nel mondo del calcio c'è stato e ha avuto un ruolo non secondario.

Presso la Procura anti terrorismo di Cagliari, già da molti mesi, è stata aperta un'inchiesta per indagare sul "petrolio dell'Isis", eventualmente acquistato da parte delle raffinerie della società SARAS di Sarroch, in Sardegna, di cui la famiglia Moratti è fondatrice e custode controllante con il 40%.
La vicenda nel suo intero a dire il vero è parecchio complicata, perché gli inquirenti stanno cercando di ricostruire tutti i rapporti intercorsi tra molti soggetti ed enti, anche stranieri. In questa prospettiva, nei mesi scorsi si è setacciato tutto il setacciabile, per risolvere e districare l'intricata matassa, in quanto tra il 2015 e il 2016 la società avrebbe aumentato le importazioni di greggio dal Kurdistan Iracheno, ad un prezzo inferiore a quello normale di mercato. Vi sono state anche delle perquisizioni per acquisizioni di documenti nelle sedi di Milano e in Sardegna. Le indagini sono tuttora in corso. Indagini riguardanti anche due manager della società. Ma è un'inchiesta molto difficile perché, come si diceva, la ricostruzione dei fatti reali passa per banche, altre società presenti sul mercato internazionale, società offshore, paesi esteri (Turchia, Malta, Iraq, ecc), e lambisce anche alcuni personaggi che indirettamente collaborano con la criminalità organizzata.

Il Gruppo Saras dal canto suo ha già smentito ogni possibile accusa, e ha sottolineato che ogni ricostruzione di una possibile associazione volta al contrabbando di petrolio è priva di ogni fondamento. Così come ogni ricostruzione diffusa da molti media nelle scorse settimane. La FederPetroli è dello stesso avviso, e ha rinnovato la fiducia nella limpidezza dell'operato della Saras e della famiglia Moratti.

Ora, dal canto nostro, nel nostro piccolo come Redazione, non possiamo che invitare tutti i lettori a leggere qualche link che segnaliamo qua sotto, tanto per provare a capirci qualcosa. Noi non prendiamo una posizione precisa e totalizzante, perché è prematuro e l'inchiesta è ancora in corso, ed è giusto che ogni lettore possa farsi un'idea personale liberamente.

Tuttavia, speriamo vivamente che l'inchiesta non finisca come al solito sepolta sotto le sabbie mobili, e che si faccia di tutto per accertare il reale svolgimento dei fatti. Ne va del buon nome di una grande azienda e di tutti coloro che ci lavorano, nonché dei proprietari che da generazioni fanno attenzione alla limpidezza e allo stile del loro operare in ogni ambito (basti pensare solo all'impegno nella comunità di San Patrignano).

E in effetti, non dimentichiamolo, nel modo del calcio in passato abbiamo avuto modo di apprezzare la passione e la dedizione di certi grandi personaggi, e siamo certi che l'onestà di costoro verrà dimostrata e apprezzata ancora una volta.

LINK UTILI

Dall’Isis ai clan: le ombre sul petrolio dei Moratti
“Il petrolio dell’Isis è finito nelle raffinerie sarde”: indagati due manager della Saras della famiglia Moratti, perquisite le sedi dell’azienda

La nostra pagina facebook

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul nostro forum!





 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our