Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Roma
Domenica, 17/10/21 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Editoriale di P. CICCONOFRI del 17/05/2021 09:24:42
Come si muove la Uefa

 

È stata appena resa nota la sede in cui si disputerà la finale di Champions Legue tra il Manchester City e il Chelsea, precisamente a Porto all’Estádio do Dragão.

Ma vediamo come ci siamo arrivati. Il derby inglese avrebbe dovuto svolgersi allo Stadio Olimpico Ataturk di Istanbul. Il governo del paese turco, che rientra nella “red list” del governo britannico, a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid, aveva annunciato un lockdown di tre settimane che sarebbe terminato a ridosso della finale del 29 maggio. Per le norme attualmente in vigore nel Regno Unito, chi rientra dalle zone dei paesi considerati a rischio, deve rispettare una quarantena di 11 giorni. Considerando che 13 gg dopo la finale iniziano gli europei, la situazione sarebbe stata di difficile gestione anche per i due club e rispettivi giocatori.


In virtù del fatto che la finale di Champions è tra due squadre Inglesi, la Uefa aveva pensato a Wembley come sede naturale. Non è stato raggiunto un accordo perché il governo Inglese non ha voluto allentare le restrizioni.

Vi proponiamo a questo punto un passaggio di un articolo pubblicato da Linkiesta del 12,05,21 dove si affronta il problema legato alla scelta della sede della finale di Champions e delle sedi degli Europei: «La Uefa in particolare vorrebbe dare semaforo verde ai suoi membri del personale, a tutte le emittenti internazionali, a sponsor, fornitori e funzionari per farli assistere dal vivo alla partita». Ed ancora: «L’organo di governo del calcio europeo ritiene che in Portogallo sarà più facile ottenere l’accesso per sponsor ed emittenti, che invece dovrebbero essere rimborsati se non fossero in grado di assistere alla partita» (NYTimes).

Il medesimo “protocollo” Uefa è stato attuato per escludere alcune sedi che avrebbero dovuto ospitare gli Europei. Vi segnalo questo passaggio: «Hanno proposto di non utilizzare maschere nelle aree Vip» afferma l’assessore allo sviluppo economico di Bilbao, aggiungendo: «Ci hanno detto che la Uefa non condivide l’idea che l’ingresso del pubblico dipenda dalle condizioni igienico-sanitarie. E poi hanno detto che senza pubblico Bilbao non sarebbe stata sede degli Europei, e che la situazione della pandemia non ha importanza». A questo link potete leggere l’intero articolo:
https://www.linkiesta.it/2021/05/uefa-stadi-europei-finale-champions/

Ci risulta difficile non bollare come pessima questa gestione della Uefa che sembra aver puntato solo agli introitiesercitando pressioni per allentare le misure di sicurezza legate alla pandemia, scegliendo chi si è adeguato. Ovviamente, le città che erano state designate per gli europei, poi escluse, hanno sostenuto delle spese e subiranno dei danni.

Un altro aspetto da evidenziare è come si sia cercato in qualche modo di lavorare per favorire il Regno Unito e il primo ministro Boris Johnson che ha avuto un importante ruolo per l’uscita delle squadre inglesi dalla Super League. Infatti, il governo Inglese agevolerà l’accesso dei tifosi in Portogallo, Paese non inserito nella red list.
Spicca inoltre all’occhio un altro aspetto, legato alla scelta delle sedi degli europei: l’Allianz Arena non è stata esclusa come sede nonostante il sindaco di Monaco non abbia garantito la presenza di pubblico. Anche qui ricordiamo che il Bayer Monaco è andato a braccetto con Ceferin nei giorni caldi delle Super League.

Il presidente Uefa ora parla di un’azione voluta per i tifosi, ma in realtà i tifosi sono semplicemente quelli che ingrasseranno le casse del massimo organismo europeo che sarebbero rimaste ancora all’asciutto e coloro che avrebbe dovuto rimborsare tutti quegli addetti, sponsor, emittenti internazionali a cui sembra fosse stato garantito l’accesso.

Iscriviti alnostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul forum!




 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our