Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Verona
Domenica, 06/02/2022 ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di L. BURZIO del 13/01/2022 13:38:00
Inter-Juventus Supercoppa, le pagelle

 

PERIN 6 nessuna colpa sui gol dell'Inter. Non vive una serata particolarmente impegnativa ma quando è chiamato in causa risponde con attenzione.

DE SCIGLIO 5 passo indietro rispetto alla grande prestazione di Roma. Soffre parecchio le avanzate degli esterni dell'Inter e non sempre riesce a contrastare come dovrebbe. Ingenuo nell'occasione che porta al rigore di Dzeko, il bosniaco d'esperienza mette il piede e De Sciglio casca in pieno nel tranello.

RUGANI 5 vive una serata in affanno contro Perisic e compagni che lo mettono in enorme difficoltà. Dopo un brutto inizio migliora nella seconda parte di partita ma spesso non ascolta e indicazioni di Perin che gli chiama il pallone.

CHIELLINI 7 uno dei pochi ad avere il carattere giusto per affrontare certe partite. Chiude tutte le offensive avversarie e nonostante qualche rischio nel contrasto con Barella esce sempre vincitore dai duelli con gli attaccanti. Bravo anche nel giro palla ma il marchio di fabbrica rimane l'uso eccellente del fisico.

ALEX SANDRO 3 All'ultimo secondo dei tempi supplementari commette un errore che si vede nei campetti di terza categoria. Ed è solo l'apice di una partita pessima.

MCKENNIE 7 inizia benissimo la partita e trova anche l'inserimento giusto sul gol del vantaggio. E' forse l'unico a sostenere i ritmi imposti dall'Inter nella prima ora di gioco e uno dei pochi a correre fino all'ultimo secondo del match. Commette qualche errore tecnico ma è bravissimo a far respirare la squadra nei momenti di maggior difficoltà.

LOCATELLI 6,5 chiude la partita con i crampi ma è anche comprensibile vista la quantità di chilometri che macina nell'arco dei novanta minuti. Finchè ha benzina e rimane lucido riesce anche a garantire grande qualità in mezzo al campo e infatti sul gol di McKennie fa una grandissima giocata.

RABIOT 4,5 oltre a non vedersi mai e a non sacrificarsi come dovrebbe per la sua squadra mette anche in difficoltà i compagni con giocate incomprensibili e andando anche vicino all'autorete. Quando gli avversari alzano il ritmo scompare del tutto dalla partita

BERNARDESCHI 6,5 ha corsa e qualità ma spesso sbaglia l'ultima giocata e questo gli impedisce un paio di volte di essere pericoloso e provare a calciare in porta. Molto bravo anche nei ripiegamenti difensivi e nel coprire le poche avanzate del terzino. In questo momento di magra riesce ad emergere dalla mediocrità.

KULUSEVSKI 6 è l'uomo su cui era stata impostata tatticamente la partita con il chiaro compito di prendersi a uomo Brozovic che infatti fatica a fare gioco e a farsi trovare libero. Questo compito tattico però lo limita parecchio nella fase di possesso del pallone in cui lo svedese risulta praticamente nullo.

MORATA 6 lavora tantissimo e prova a fare reparto da solo contro il terzetto difensivo dell'Inter che però è molto bravo a non concedere nulla allo spagnolo. Apprezzabile la voglia ma va detto che non è mai stato pericoloso.

DYBALA 5,5 non aggiunge nulla alla prestazione di Kulusevski e non riesce a mettere in campo la sua qualità.

ARTHUR 5,5 classico atteggiamento da brasiliano con tanta qualità ma anche poco ordine tattico che diventa evidente senza al suo fianco Locatelli.

KEAN 4 gioca bene a nascondino, nessuno riesce a vederlo.

BENTANCUR 6 gioca i tempi supplementari con ordine e cercando di sbagliare il meno possibile in un momento molto delicato della partita

ALLEGRI 5 prepara la partita nell'unico modo possibile ovvero provando ad annullare Brozovic con una marcatura ad uomo e difendendo basso per sfruttare le ripartenze. La squadra fatica ad essere pericolosa ma riesce a rendere inoffensivo l'Inter che infatti non ha grosse occasioni e pareggia il match su un generoso calcio di rigore. Il primo trofeo stagionale sfuma all'ultimo secondo utile per un grave errore tecnico di un singolo che però andava tolto prima dal campo visto che era in palese difficoltà.

TOP MCKENNIE
FLOP AL-EX SANDRO


 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our