Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Sassuolo
lunedì 15/08.2021, ore 20,45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Attualità di N. REDAZIONE del 06/06/2022 15:31:30
Di Maria s’ha da fare?

 

È ormai conclamato l’interesse della Juve per Di Maria, l’affare ancora non è andato in porto e molto probabilmente non si concretizzerà.

“Innanzitutto c’è da fare i complimenti al ragazzo”, perché è stato molto chiaro sulla possibilità di vestire la maglia bianconera: vuole un’esperienza utile a preparare il Mondiale e dopo una stagione tornare in Argentina. Sarà anche antipatica la cosa, ma è apprezzabile la trasparenza. In più, vista dal lato della Juve c’è da prendere atto che se il giocatore ha dei dubbi su un biennale, allora significa che non ha motivazioni sufficienti per la durata proposta. Quindi la trattativa doveva già essere saltata.

In questi mesi si è parlato molto di progetto, definendolo «valido», ci sembra però che un impegno per pochi mesi non sarebbe propedeutico a un "progetto" serio. Di Maria molto probabilmente nei primi mesi farebbe qualche grande partita, ma non basterebbe per una squadra come l’attuale Juventus, che è lontanissima dal Psg come modo di giocare. Non avrebbe forse il tempo di dare contributi significativi.

L’argentino da noi verrebbe utilizzato come contropiedista: una sorta di Douglas Costa, magari meno fragile ma con la mente altrove (al Mondiale) già in partenza. Non è difficile immaginare con quali giudizi sarebbero accompagnata qualche prestazione incolore. “ gioca col freno a mano tirato …”; “è venuto da noi a fare tre mesi di partitelle di preparazione …”; e a ogni infortunio si parlerebbe di “stop preventivi al primo prurito”. E la situazione potrebbe peggiorare da gennaio.

Considerando queste tempistiche, potrebbe verificarsi una situazione controproducente: se la Juve passasse il girone di CL (il girone coinciderebbe coi suoi primi mesi a Torino), per la fase a eliminazione in campo rischieremmo di un giocatore disimpegnato o deluso dall’andamento del Mondiale. Proprio in quella fase della Champions in cui la Juve più avrebbe bisogno di contributi non solo tecnici, ma anche caratteriali.

L’indisponibilità attuale del giocatore a firmare un biennale fa venire meno anche la convenienza fiscale cui vorrebbe approfittare la Juve. Se quindi questa possibilità economica è indispensabile, allora è il caso di non insistere. È chiaro che Di Maria quindi non è imprescindibile. Rimane tuttavia deludente che anche quando si vuole prendere un campione la Juventus badi soprattutto alle occasioni. Forse sarebbe utile un altro tipo di approccio agli investimenti.

C’è quindi da ringraziare Di Maria per la sincerità che ha messo sul tavolo della trattativa, ma gli si deve stringere la mano e lasciare che trovi altrove quello che giustamente non può e non deve offrirgli la Juve.

Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

La nostra pagina twitter

Commenta con noi sul forum!











 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our