Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
Juventus
Domenica 27/09/2020 ore 20.45
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          GLI ARTICOLI DI GLMDJ
Calcio giocato di M. ROCCA del 25/04/2010 20:56:50
Cronaca Noiosa

 

Nella giornata del ricordo della scomparsa di Andrea Fortunato, simbolo di valori e ricordi sconosciuti per l'organigramma della attuale dirigenza bianconera, la squadra si esibisce in una prestazione dignitosa quanto inutile nell'economia di una stagione mai tanto disastrosa sotto il profilo dei risultati e soprattutto del decoro, a mia memoria.
Ma tanté, temo però che il perdurare dell'attuale managment (tennist-crossistico) e dell'attuale azionista di riferimento (interista), non sarà nemmeno improbabile fare peggio.
Siedono blindati nella tribuna di uno stadio semivuoto che palesa a suon di cori e striscioni la propria crescente indignazione verso di loro, quei dirigenti simpatici solo più a se stessi, agli interisti e ai farsopolisti tutti, giustamente vilipesi e ridicolizzati: è il destino con cui il tempo premia gli ignavi.
Dell'azionista di riferimento solo tracce maleodoranti, in sua vece compare a far combriccola anche il "disonorevole" Paniz, che non si è ancora precisamente informato sulle ultime novità del processo di Napoli poichè non ha ancora finito di valutare le sentenze del 2006, anche costui ha avuto un ruolo fondamentale in quel di Farsopoli: tenere fermo tutto ciò che si muoveva dalle parti del Parlamento. Un giorno, sempre più vicino, ne parleremo a quattr'occhi.
La partita sarebbe un dettaglio noioso nel primo tempo e poco esaltante nel secondo se fossimo quelli di sempre invece essendo quelli post 2006, fa notizia.
Juventus-Bari 3-0. Perdindirindina avrebbe detto Cobolli (o Gigli, non ho il tempo di verificare quale dei due)!
Primo tempo, dicevo, in cui si capisce chiaramente però che Melo (per fortuna assente) è peggio di Poulsen (ed ho detto tutto), che Diego è inutilmente sempre a terra, che Camoranesi è sempre più nervoso, che Amauri, anche con la nuova messa in piega, è meglio se non fosse mai tornato e che Del Piero ha trentacinque anni e fischia. Ma anche che Chiellini è un pilastro e che Marchisio è uno Juventino di un certo tipo, di vecchio stampo, del nostro stampo.
Nonostante la superiorità netta però è il Bari con Koman al termine di una bella manovra ad esaltare Buffon, che nonostante la colpevole memoria labile sul passato prossimo, fa quello che deve fare ed è pagato per fare, il grande portiere e non l'entreneusse simpatica.
Interessante anche il metro di giudizio del signor Gervasoni, "dolce e severo".
Nel secondo tempo la Juventus finalmente con un attacante (Iaquinta) al posto di un "tacchente" e di uno che corre (Candreva) concretizza. Una volta era una formalità (battere il Bari in casa) oggi quasi un'impresa. Doppietta di Vincenzone su assist di (udite, udite) Diego e Candreva intervallata da un rigore del Capitano. Si chiude con una Zebinata (tentativo di autogoal con zuccata nell'angolino) cui rimedia alla grande Gigi e una Zaccheronata (voleva bruciare l'ultimo cambio tenendo in campo Marchisio infortunato) a cui rimediano un paio di urlacci di Alex.

Le mie personalissime pagelle:
Gigi Buffon: voto 7
Due interventi strepitosi e decisivi, a conferma del fatto che sul campo è uno Juventino autentico mentre quando parla fuori è solamente un newholland smile. Lui non lo sa ma è la stessa differenza che passa tra il buon Barbaresco ed il vino al metanolo. Gattino.
Jonathan Zebina: voto 6
Sempre senza una concentrazione costante, ma nonostante qualche errorino e una "bestialità" finale fa vedere che una volta era un buon esterno basso, ora a tempo perso (fa ormai il gallerista a tempo pieno) cinque o sei partite ( a stagione) può ancora giocarle. In cerca di emozioni in un pomeriggio tranquillo se ne crea "solo" una. Esibizionista.
Fabio Cannavaro: voto 6
Contro avversari di spessore e stimolo come Barreto, Castillo e poi il ratto Meggiorini lascia le maggiori incombenze e velleità a Chiellini. Lui risparmia il fiato, la strada della terza età è in salita e costellata di insidie, arteriosclerosi dietro l'angolo. Ben coperto.
Giorgione Chiellini: voto 7
In questa squadra è un pilastro della difesa che si prende per cause di forza maggiore anche responsabilità di costruzione e finalizzazione, lo fa sempre con abnegazione e spirito di sacrificio. Gladiatorio.
Paolo De Ceglie: voto 6
Ha un cliente veloce e pericoloso, non si capisce bene se lo annulla lui o se Alvarez si annulla da solo. Partecipa comunque con un certo profitto anche alla manovra offensiva. Rincalzo.
Mauro Camoranesi: voto 5
Svogliato e nervoso, non si trova con questi compagni. Soprattutto mi pare conclamato che con Diego non può coesistere e quest'estate lo avevo sospettato. Sostituito.
Christian Poulsen: voto 6
Capiamoci subito non avrebbe mai giocato nella Juventus pre Farsopoli nemmeno come riserva della riserva della riserva, ma oggi ordinato, presente e senza strafalcioni e "melate" ha dimostrato se mai ce ne fosse bisogno quanto è deleterio il brasiliano davanti alla difesa. Chiaro che a una squadra di rango servirebbe uno con qualche sacchetto di qualità in più. Diciamo due o tre (tonnellate). Biondino.
Claudio Marchisio: voto 7,5
Deve fare il boia e l'impiccato avendo come compagni di reparto il biodino danese e lo svogliato argentino e davanti il poco utile Diego e il vecchio Capitano. Mette anche qualche cross per quello che tutti credono il centravanti. Quindi cerca il tiro da fuori senza troppa convinzione o forse per frustrazione. Finisce sostituito, sfinito e con un polpaccio che guizza per i crampi. Da Encomio. Solenne.
Diego: voto 5,5
Gioca in un ruolo che per definizione è determinante. Il problema è che se non sei determinante a favore in quel ruolo finisce che lo diventi a sfavore. Sia per i problemi tattici che crei alla squadra che per i vantaggi di numero che crei al centrocampo avversario. Ho contato quindici errori, quindici cadute e quindici palle perse. Poi mi sono fermato e a metà del secondo tempo ha azzeccato un assist, dopo aver fatto di tutto per non farlo.Ma deve giocare per diritto divino o per che? Inutile? No deleterio.
Alex Del Piero: voto 6
Ha trentacinque anni e li dimostra tutti, ha fatto centinaia di battaglie e le sente tutte, lento e poco ispirato è comunque cento volte più pericolo di Amauri e cento volte più incisivo di Diego. Immortale.
Amauri: voto 4
What is this?
Vincenzo Iaquinta: voto 8
Entra nel secondo tempo e finalmente con la sua volontà la Juventus finalizza. Doppietta super e molta altra quantità. Generosissimo.
Antonio Candreva: voto 6
Ragazzo di prospettiva, ha corsa e qualità. Abbisognerebbe di un allenatore che gli insegnasse posizione, movimenti e disciplina. Riscattabile.
Hasan Salihamidzic: n.g.
In vecchio Brazzo entra quando è finita da un pezzo. Tardivo (o tardone).

Alberto Zaccheroni: voto 6-
Partita di ordinaria amministrazione, specie perchè il Bari non pare avere motivazioni particolari, riesce tuttavia a complicarsi la vita con una formazione iniziale quantomeno discutibile. Amauri o Iaquinta per lui è Amauri! Giovinco, Candreva o Diego per lui è Diego. Straordinario nel terzo cambio in cui vuole un finale più emozionante cercando di rimanere in dieci non sostituendo l'infortunato Marchisio. Ex interista, ex granata etc.... curriculum smile. Umile.
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our