Giulemanidallajuve
 
 
 
 
 
 
 
  Spot TV
 
 
 
 
 
 
 
FROSINONE
Domenica 25/02/2024 ore 12,00
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
          L'ANGOLO DEL TIFOSO
Articolo di Claudio del 26/03/2009 16:19:26
La risposta la diamo sul campo
Proviamo a dimenticarci della vicenda calciopoli e del fatto che sia ormai giunta nelle aule dei tribunali e cerchiamo soltanto di soffermarci su quello che la Juventus ha ottenuto successivamente alle sentenze della giustizia sportiva ed in attesa di quella ordinaria.
Di certo tutti coloro che hanno contribuito ad alimentare il polverone che ha travolto la società bianconera non avrebbero mai potuto credere ad un ritorno così precoce del club tra le grandi.
Tra i tifosi avversari il motto dopo la retrocessione era diventato: vediamo quanto vale realmente la juve, ora che non dispone più di aiutini!!

Ebbene la risposta della corazzata bianconera non si è fatta attendere.
Il tipico comportamento del leone ferito che anzichè mollare si rialza e torna a lottare più forte di prima. Un comportamento esemplare di cui non solo noi tifosi, ma tutti coloro che amano il calcio, dovrebbero evidenziare ed elogiare all'infinito.

I fatti post calciopoli parlano chiaro. Dopo mille difficoltà si è disputato il campionato di B. Lo si è affrontato probabilmente nell'anno in cui hanno partecipato il maggior numero di squadre competitive per la promozione.
Lo si è stravinto, superando anche l'ulteriore ostacolo derivante dai punti di penalizzazione.

Al ritorno in A, in un campionato caratterizzato da un altissimo numero di errori arbitrali ( in questo caso si parla di buona fede ), la juve torna a qualificarsi per la champions.
Quindi terzo posto giocando un campionato eccellente, vincendo tutti gli scontri diretti (compresa la sfida di ritorno contro gli 'onesti').

Il campionato in corso, (che continua ad essere affetto da gravi errori arbitrali), lo viviamo come sempre da protagonisti.
In champions abbiamo concluso al primo posto il girone di qualificazione alla seconda fase, dopo aver strapazzato sia all'andata che al ritorno niente meno che il Real Madrid, con tanto di standing ovation per il nostro capitano nel mitico Santiago Bernabeu.

Abbiamo giocato alla pari la doppia sfida degli ottavi contro un Chealsea favoritissimo, e siamo usciti a testa alta.

La conclusione che possiamo trarre da tutto ciò è una soltanto: forti eravamo e forti continuamo ad essere!! Ci temevano prima e ci temono ora !!

La forza di questa squadra non è mai stata negli 'pseudo'-aiuti, come si vuole far credere. Ha dovuto subire torti ed ingiustizie di ogni tipo, è sempre stata più forte delle menzogne che l'hanno attaccata.
Penso che i risultati sportivi parlino chiaro e sono molto più incisivi delle chiacchiere e dei processi.

Noi juventini siamo orgogliosi del carattere e della forza che la nostra squadra ha dimostrato dopo il terremoto a cui è stata sottoposta.
Lotteremo come hanno saputo fare sul campo e saremo sempre pronti a difendere la nostra beneamata. Ovvio che non ci accontentiamo di arrivare secondi, ma dobbiamo tornare ai trionfi ed alle glorie che ci hanno da sempre contraddistinto.

I presupposti sono quelli giusti, abbiamo azzittito chi ci voleva far occupare un ruolo marginale nel panorama calcistico e chi pensava che non ci saremmo mai risollevati. Merito al nostro capitano e a tutti gli altri campioni che non hanno molato ed hanno creduto in un cammino vincente.

Quindi al di là di tutte le farse processuali che sono certo ci daranno ragione, possiamo dire a voce alta che la Juve è tornata e che mentre gli altri accusano, noi abbiamo fatto già parlare i fatti. Sul campo siamo sempre forti.

'gli eroi non sono quelli che non cadono mai, ma quelli che dopo essere caduti hanno la forza di rialzarsi' Jim Morrison
 
 
  IL NOSTRO SONDAGGIO
 
Dopo la Cassazione su Moggi, cosa dovrebbe fare ora la Juve?
 
  TU CON NOI
   
 
   
 
  AREA ASSOCIATI
   
 
 
 
  DOSSIER
   
 
   
 
  LETTURE CONSIGLIATE
   
 
   
 
   
 
  SEMPRE CON NOI
   
 
   
 
Use of this we site is subject to our